Cannabis, Pd: “Ampliare utilizzo farmaci, porterebbe risparmi”

VENEZIA - Grazie alla Legge regionale n.38/2012 il Veneto è stato una delle prime regioni in Italia a
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – Grazie alla Legge regionale n.38/2012 il Veneto è stato una delle prime regioni in Italia a prevedere l’erogazione di medicinali e dei preparati galenici magistrali a base di cannabinoidi per finalità terapeutiche. Ma, a differenza di altre Regioni come la Toscana, dove il medico può prescrivere questo tipo di medicinali basandosi esclusivamente sul suo parere, in Veneto il rimborso è previsto solo per precise patologie e questo fa sì che il numero di malati che li utilizzano sia limitato. Un peccato, secondo il consigliere regionale democratico Bruno Pigozzo, che spiega come “il costo delle cure a base di questi medicinali sia minore rispetto ad altri tipi di terapie più invasive che spesso vengono prescritte al loro posto. Con questi farmaci il sistema sanitario regionale risparmierebbe“. E i vantaggi non sarebbero legati solo al risparmio, come evidenzia il consigliere Pigozzo.

cannabis

La canapa necessaria a produrre i medicinali viene infatti coltivata in Veneto, dal Crea (Consiglio per la ricerca e la sperimentazione in agricoltura) di Rovigo, che trarrebbe benefici dall’aumento della produzione. “Abbiamo presentato oggi in V Commissione il Pdl 111 proprio per aumentare la platea di utilizzatori di questi farmaci– conclude Pigozzo-. Del resto l’evoluzione scientifica ha fatto ampi passi in avanti e i medicinali non sono più gli stessi di quattro anni fa”.

di Fabrizio Tommasini, giornalista

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»