Reddito di dignità. Negro: “Impegno importante per migliaia di famiglie pugliesi”

BARI - “La III e la VI Commissione consiliare hanno approvato oggi il
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGIONEBARI – “La III e la VI Commissione consiliare hanno approvato oggi il disegno di legge sul reddito di dignità che adesso va in Consiglio regionale  per l’approvazione definitiva. È questa una delle pietre miliari del programma di governo del presidente Emiliano che procede spedita verso una rapida approvazione”. È quanto affermato dall’assessore regionale al Welfare Salvatore Negro che ha espresso soddisfazione per l’approvazione da parte della Commissioni del ddl sul Reddito di dignità, “approvato con il contributo di merito della maggioranza ma anche delle forze di opposizione”.

   “Infatti – ha sottolineato Salvatore Negro – alcuni emendamenti tecnici sono stati accolti perché non mettevano in discussione l’impianto complessivo e le strategie della misura”.
“Ringrazio i presidenti delle due commissioni, Alfonso Pisicchio e Pino Romano, per l’ordine dei lavori che sono proceduti in modo ordinato e spedito. Un ringraziamento particolare va anche allo staff della presidenza per il lavoro di coordinamento fatto in questi mesi. Il testo così come modificato andrà ora in Aula i primi di marzo per l’approvazione definitiva. A tal proposito auspico che ci sia un’ampia convergenza sull’approvazione del provvedimento atteso da migliaia di famiglie pugliesi”.
La Puglia- conclude- è la prima Regione del Mezzogiorno e tra le poche in Italia ad avere anticipato con questa misura di contrasto alla povertà la legge nazionale. Un impegno importante per aiutare quelle migliaia di famiglie pugliesi che vivono in una condizione di fragilità attraverso un sistema di sostegno al reddito, non assistenzialista, ma al contrario legato ad un percorso di inclusione e di riattivazione verso il mercato del lavoro”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»