Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Santa Sede e Italia ricordano il Concordato

ROMA - Hanno avuto luogo oggi all'Ambasciata
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

santa sede_italia_concordato

ROMA – Hanno avuto luogo oggi all’Ambasciata d’Italia presso la Santa Sede (Palazzo Borromeo) le celebrazioni per la ricorrenza dei Patti Lateranensi e dell’Accordo di modificazione del Concordato tra alte cariche della politica italiana e vaticane. I primi ad arrivare il presidente del Consiglio Matteo Renzi, seguito da buona parte dei ministri del suo Governo: Angelino Alfano per l’Interno, Paolo Gentiloni per gli Affari esteri, Roberta Pinotti per la Difesa, Maria Elena Boschi per le Riforme, Marianna Madia per la Semplificazione e la Pubblica amministrazione.

Tra le alte cariche della Santa Sede il cardinale Segretario di stato Vaticano Pietro Parolin e il Presidente della Cei cardinale Bagnasco seguiti da Nunzio Galantino, Segretario generale della Cei, Padre Federico Lombardi, portavoce vaticano, e dal cardinale Attilio Nicora.

All’Ambasciata della Santa Sede in Italia e’ giunto anche il capo dello Stato Sergio Mattarella, per raggiungere le altre alte cariche del governo italiano e vaticane. L’anniversario dei Patti Lateranensi è anche occasione per un incontro bilaterale. Giunto anche il presidente del Senato Pietro Grasso e la vicepresidente della Camera Marina Sereni.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»