Messico, Italia vicina contro la criminalità transnazionale

Colloqui per "attivita' congiunte sul contrasto alla criminalita' transnazionale e alcuni temi della cooperazione giudiziaria bilaterale"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

messicoROMA – Dal ministero degli Affari esteri fanno sapere dei colloqui avvenuti tra rappresentanti italiani e messicani per discutere delle “attivita’ congiunte sul contrasto alla criminalita’ transnazionale e alcuni temi della cooperazione giudiziaria bilaterale”.

“L’ambasciatore italiano a Citta’ del Messico, Alessandro Busacca- spiega la nota- accompagnato dal consigliere Simone Landini e dall’esperto per la Sicurezza della sede diplomatica, il maggiore Guido Iannelli, ha incontrato il vice procuratore generale per gli Affari giuridici e internazionali della Procura generale della Repubblica, Jose’ Alberto Rodriguez Calderon”. Questo appuntamento – sollecitato dalle autorita’ messicane – e’ la naturale prosecuzione “della visita in Messico dal 3 al 5 novembre del 2015 del ministro della Giustizia, Andrea Orlando, e del Procuratore nazionale antimafia, Franco Roberti”, durante la quale e’ stata presentata “l’esperienza italiana per contrastare la criminalita’ transnazionale ed in particolare il narcotraffico, sia sul versante normativo sia su quello operativo, approfondendo- aggiunge ancora il comunicato- i temi legati alla gestione dei collaboratori di giustizia, alla confisca dei beni della criminalita’ organizzata, al carcere duro per i mafiosi, alla lotta al riciclaggio, ai sequestri e alla tratta di esseri umani”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»