Tosi stoppa apertura dei bistrot etnici a Verona, Bassi: “Sia esempio per altre città”

VENEZIA - Il sindaco di Verona Flavio Tosi vieta l'apertura
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ristorante_cinese

VENEZIA – Il sindaco di Verona Flavio Tosi vieta l’apertura di nuove friggitorie e attività di produzione e vendita di cibi etnici in centro storico. “Speriamo che l’iniziativa sia d’esempio per altri sindaci di città venete”, commenta il consigliere regionale tosiano Andrea Bassi, che spiega: “Non è una questione di razzismo, ma di decoro. C’è un limite di tolleranza che non può essere superato. Una città come Verona che è al terzo o quarto posto per visite turistiche in Italia, non può assistere indifferente al proliferare incontrollato di un certo tipo di attività che, lo sappiamo, attirano specialmente nelle ore notturne un certo tipo di clientela”. L’auspicio del consigliere di “Fare” quindi che “altre città, esasperate dallo stesso problema, possano ripercorrere le orme di Verona“.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»