Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Sviluppo. Pittella: “Fatti passi avanti, ce la faremo”

POTENZA - Lo sviluppo parte anche dalla salvaguardia del territorio. Ed il governatore della
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

pittella-620x400POTENZA – Lo sviluppo parte anche dalla salvaguardia del territorio. Ed il governatore della Basilicata, Marcello Pittella, partecipando oggi ad un dibattito con il presidente regionale di Confindustria, Michele Somma, nell’ambito dell’evento “Piano industriale per il Sud (Pis), le reti di idee per la ripartenza” – organizzato a San Nicola di Melfi dal Comitato Piccola Industria di Confindustria Basilicata – si è soffermato subito sul recente accordo sottoscritto con la Bei (Banca europea per gli investimenti).

   “La nostra – ha detto Pittella – è stata un’operazione inedita in Italia, la prima. Saranno investite ingenti risorse per il dissesto idrogeologico, per consentire interventi finanziati al 50 per cento dalla Bei con tassi agevolati. Abbiamo fatto un monitoraggio delle aree dove intervenire e di quelle interessate da eventi alluvionali, abbiamo l’elenco dei progetti: ora proviamo a creare le condizioni per realizzarli”.
   Pittella ha ricordato che “la Basilicata in questi anni ha fatto passi da gigante. Possiamo fare molto altro per le infrastrutture: abbiamo il Piano per il Sud, che enuclea cinque grandi arterie fra cui la Potenza-Melfi. Stiamo lavorando per completare la copertura della banda ultralarga. Interventi in diversi settori saranno possibili proprio attraverso l’accordo con la Bei. Dobbiamo fare uno sforzo verso realizzazioni spinte e veloci: il tempo fra la decisione e l’azione deve essere brevissimo. In questo, il nostro impegno è totale. E lo stiamo facendo inserendo la Basilicata in un contesto più ampio, che guardi oltre i confini regionali”.
   La Basilicata, insomma, sta ripartendo, “ma ha ancora bisogno dell’intervento pubblico, come l’intero nostro Paese. Proprio per questo – ha aggiunto il presidente nel riferirsi agli strumenti di accesso al credito – è necessario mettere in campo, anche attraverso tecnicismi diversi dal passato come la collaborazione tra pubblico e privato prevista dai project financing, strumenti in grado suscitare nelle imprese l’interesse ad investire. Dobbiamo però capire quello che vogliamo fare, a livello di proposte e di progetti, partendo dal Mezzogiorno. E dobbiamo essere capaci di intercettare tutte le risorse che possiamo avere a disposizione, come ad esempio quelle del piano comunitario Junker. Ma l’hashtag che vi consegno – ha concluso – è il seguente: Noi ce la faremo!”. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»