Lavoro. Istituito tavolo regionale per crisi Gontero Spa

TORINO - Si è riunito questa mattina, presso il palazzo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

palazzo-regione-giunta-9TORINO – Si è riunito questa mattina, presso il palazzo della Giunta di piazza Castello, il tavolo di confronto sulla vicenda della Gontero Spa di Barge, dichiarata fallita, insieme alla controllata Balma Oro di Bagnolo Piemonte. Convocato dagli assessori al Lavoro, Gianna Pentenero, e alle attività produttive, Giuseppina De Santis, l’incontro ha visto la partecipazione dei sindaci delle due cittadine interessate, della Provincia, dei sindacati, e di un consulente del curatore fallimentare.
Gli amministratori locali hanno espresso la loro preoccupazione per le ripercussioni sociali ed economiche che la crisi dell’azienda potrebbe avere sul territorio. Oltre a impiegare 87 lavoratori, infatti, la società, con le sue attività di estrazione, di lavorazione e di commercializzazione della pietra, genera un indotto stimato intorno alle 300 persone.
Esclusa la possibilità per i dipendenti di fruire della cassa integrazione straordinaria, che la nuova normativa sul lavoro esclude in caso fallimenti, resta da valutare la possibilità di individuare un soggetto interessato ad acquisire la Gontero Spa.
A questo proposito, l’assessore De Santis, ha fatto presente l’esistenza di una misura regionale che agevola l’acquisizione di aziende in crisi e di impianti produttivi chiusi o a rischio di chiusura e che sostiene concretamente le realtà imprenditoriali interessate a subentrare nella proprietà con un nuovo progetto di investimento,  salvaguardando le strutture produttive e le risorse umane delle aziende in crisi.
Nel caso nessuno si facesse avanti, l’assessore Pentenero ha dato la disponibilità propria e degli uffici a individuare per ciascun target di lavoratori dei percorsi di riqualificazione e di ricollocamento.
   Al termine del confronto, i presenti si sono lasciati con l’impegno a rivedersi tra due settimane, per monitorare attentamente l’evolversi della situazione e valutare quali strumenti mettere in atto sulla filiera.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»