Referendum Trivelle. Lacorazza chiede incontro ad Agcom

POTENZA - “L'Agcom non può impedire alle Regioni referendarie di esprimersi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

piero_lacorazza_basilicata_2

POTENZA – “L’Agcom non può impedire alle Regioni referendarie di esprimersi sul referendum. Ma in particolar modo non può determinare i comportamenti e le scelte che le  Regioni si stanno approntando ad assumere in materia di comunicazione sul prossimo referendum del 17 aprile andando oltre le competenze proprie in termini di destinazione delle risorse”. E’ quanto afferma Piero Lacorazza, presidente del Consiglio regionale della Basilicata, capofila delle Regioni promotrici del referendum sulle trivelle in mare, dopo aver ricevuto una comunicazione dell’Agcom che invita le Regioni a non utilizzare mezzi e logo dell’istituzione per la campagna referendaria in ossequio a quanto previsto dalla legge n. 28/2000.
Stiamo valutando anche un eventuale ricorso al Tar– aggiunge Lacorazza- dopo la risposta alla richiesta di parere che in modo opportuno e doveroso il Coordinamento dei comitati regionali per le comunicazioni aveva fatto proprio rivolgendolo all’Autorità preposta. Ho chiesto per le vie brevi in queste ore un appuntamento urgente al presidente dell’Autorità Cardani- ha concluso Lacorazza- spero di poterlo incontrare quanto prima”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»