Porti. D’Alfonso: “Serve connessione con Civitavecchia”

PESCARA - "Noi guadagneremo la connessione funzionale dei porti abruzzesi con
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

d'alfonsoPESCARA – “Noi guadagneremo la connessione funzionale dei porti abruzzesi con il porto di Civitavecchia. E poi faremo una battaglia per mantenere sia a Pescara, che a Ortona, le sedi dell’autorità marittima civile, che risponde in maniera più efficace e puntuale alle istanze che arrivano soprattutto dalle imprese che utilizzano i nostri scali”. Lo ha sottolineato il presidente della Giunta regionale dell’Abruzzo, Luciano D’Alfonso, rispondendo a un’interpellanza sui porti di Pescara e Ortona, e sulla possibilità che possano essere assoggettati all’autorità portuale di Ancona.

   “All’Abruzzo – ha rimarcato D’Alfonso – serve la connessione con Civitavecchia, perché in questo modo si dà maggiore forza anche all’autostrada Pescara-Roma, creando un corridoio acqua-gomma-acqua che porterà enormi benefici alla nostra economia regionale, con positive ricadute anche per le aree interne. Tonnellaggi che, nell’ipotesi Ancona, andremmo invece irrimediabilmente a perdere su questa direttrice”.
   Il presidente ha spiegato di aver già parlato di questo progetto anche con il Ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio e si è impegnato anche ad accelerare le procedure per concludere l’iter di approvazione dei piani regolatori portuali, passaggio fondamentale per procedere ai successivi atti programmatori.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»