Esselunga sbarca a Genova, Toti: “Finalmente, basta spesa più cara che altrove”

GENOVA - "Sono certo che finalmente Esselunga aprirà a Genova". Lo dice il presidente della Regione Liguria, Giovanni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

GENOVA – “Sono certo che finalmente Esselunga aprirà a Genova”. Lo dice il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, intervenendo in Consiglio regionale durante la discussione sulle modifiche al Testo unico del commercio. “Da giornalista- dice il governatore- mi sono chiesto per anni se i dirigenti liguri di Esselunga fossero così incapaci da non riuscire a fare domanda per un nuovo centro di grande distribuzione in un posto che avesse i requisiti di legge o se, piuttosto, non fosse l’amministrazione a giudicare in modo diverso domande di gruppi diversi”.

CestinoSecondo Toti, “non è una legge ad personam quella che stiamo costruendo, ma stiamo cercando di demolire il simbolo di un blocco che per gli ultimi 20 anni ha costituito una dominanza assoluta. Penso sia chiaro a tutti i liguri che in questa regione la spesa è più cara che altrove“. Il presidente specifica che questa legge “viene fatta perché a Genova ogni azienda venga valutata per la propria capacità che ha di entrare sul mercato e non per il marchio che presenta sulla carta intestata. Ho il dubbio che per più di dieci anni siano stati usati due pesi e due misure e sono convito che i genovesi abbiano lo stesso dubbio”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»