Cultura, Roma: un viale dedicato a Oreste Lionello proprio nel cuore di Villa Borghese

"E' un grande piacere essere qua e scoprire questa targa per dedicare a Oreste Lionello una strada, così breve, ma bella e importante perché consente di avere davanti agli occhi di tutti, e sono sicuro anche davanti ai suoi, la bellezza di Roma", ha detto il ministro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

viale oreste lionello_roma

ROMA – Un viale dedicato a Oreste Lionello proprio nel cuore di Villa Borghese. A scoprire la targa, di fronte alla Casina Valadier, il ministro dei Beni e delle Attività culturali, Dario Franceschini, insieme alla presidente del I Municipio, Sabrina Alfonsi, e al subcommissario di Roma Capitale, Jolanda Rolli. Intorno a loro, anche i figli di Lionello e tantissimi personaggi dello spettacolo che hanno condiviso il palcoscenico con l’artista scomparso nel 2009. Tra tutti, Pierfrancesco Pingitore, Enrico Montesano e Martufello.

“E’ un grande piacere essere qua e scoprire questa targa per dedicare a Oreste Lionello una strada, così breve, ma bella e importante perché consente di avere davanti agli occhi di tutti, e sono sicuro anche davanti ai suoi, la bellezza di Roma”, ha detto il ministro.

Lionello “ha fatto tante cose- ha detto il ministro- alcune che lo hanno portato alla grande notorietà, come il doppiaggio di Woody Allen e il cabaret, altre meno conosciute, che però lo possono far definire uno degli intellettuali più importanti del secolo scorso. Ho avuto la fortuna di conoscerlo e ho apprezzato la sua intelligenza e la sua ironia pungente. E’ importante che Roma e il Paese decidano di ricordarlo così- ha tenuto a dire il ministro- perché le strade hanno lo straordinario potere di dare eternità alle persone”. Poi, Franceschini ha ricordato che “tra le tante cose fatte da Lionello, ce n’è una straordinaria: la bellissima traduzione del Cyrano de Bergerac per il film con Depardieu. Forse- ha concluso- per ricordare Lionello si possono usare le ultime parole di Cyrano prima di morire, secondo la sua traduzione: ‘E quando a sera entrerò in quel di Dio, spazzerà il mio saluto l’azzurro sfavillio e offrirò con l’orgoglio che mai macchiai né macchio, l’indomita purezza del… mio pennacchio’“.

“Dedicare una strada è il modo migliore per far conoscere dei personaggi alle nuove generazioni, perché passando in bicicletta per villa Borghese, se si alzano gli occhi si vede viale Oreste Lionello e ci si chiede chi è stato. Anche così- ha concluso la presidente del I Municipio, Sabrina Alfonsi- viene raccontato il personaggio”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»