Sanità al top in Emilia-Romagna: “E qui è meno caro curarsi”

stefano bonaccini
Lo ha stabilito l'Ips 2020, l'indice di performance sanitaria, realizzato per il quarto anno consecutivo dall'istituto Demoskopika sulla base di otto indicatori
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – La sanità dell’Emilia-Romagna può fregiarsi di un altro primato: è in testa, tra le Regioni italiane, per efficienza del sistema sanitario, seguita da Trentino-Alto Adige e Veneto. A stabilirlo è l’Ips 2020, l’indice di performance sanitaria, realizzato per il quarto anno consecutivo dall’istituto Demoskopika sulla base di otto indicatori: soddisfazione per i servizi sanitari, mobilita’ attiva, mobilita’ passiva, risultato d’esercizio, disagio economico delle famiglie, spese legali per liti da contenzioso e da sentenze sfavorevoli, democrazia sanitaria e speranza di vita. Dalla “fotografia” scattata all’interno del panorama italiano emergono sei realta’ regionali “sane”, nove “influenzate” e cinque “malate”. A guidare la classifica, come sottolinea la Regione, c’e’ dunque l’Emilia-Romagna, con un punteggio di 107,7, poi Trentino-Alto Adige (107,6 punti) e Veneto (105,6). “Non possiamo che essere orgogliosi per quanto certifica Demoskopica, e cioè che l’indice di performance sanitaria della Regione Emilia-Romagna è il migliore in Italia”, commentano il presidente Stefano Bonaccini e l’assessore alla Sanità Raffaele Donini. “Ma al di là delle classifiche, pur importanti, quel che conta per noi e’ la salute dei nostri cittadini”.

Per questo, aggiungono presidente e assessore, “continuiamo a potenziare la rete dei servizi sanitari ospedalieri e di prossimità territoriale, obiettivi verso cui mettiamo ogni nostra energia. Così come investiamo, lo abbiamo fatto con oltre 23.000 assunzioni nell’ultimo quinquennio, nel potenziamento del personale sanitario, a cui va tutto il nostro ringraziamento per la tenacia e l’abnegazione che continua a dimostrare anche in un periodo cosi’ difficile come quello che stiamo attraversando”.

Secondo Bonaccini e Donini la classifica non solo attesta che quello emiliano-romagnolo è il sistema sanitario più in salute del paese, ma “conferma indirettamente quanto sia stata giusta la scelta che abbiamo fatto in Emilia-Romagna di abolire, già dal 2018, il superticket e il ticket per le prime visite nelle famiglie con più di un figlio, per difendere e rafforzare il nostro sistema sanitario pubblico e universalistico”. L’Emilia-Romagna, infatti, risulta la meno toccata dal “disagio economico”, cioè dalla difficoltà espressa dalle famiglie che hanno dichiarato di non poter affrontare in alcuni periodi le spese necessarie per curarsi: se a livello nazionale nel 2019 le famiglie che hanno affermato di trovarsi in questa situazione sono state oltre 1,6 milioni, in regione si è registrato il numero più basso (1,9% sul totale regionale). Pertanto all’Emilia-Romagna va, anche in questa graduatoria parziale, il ranking migliore, con un punteggio di 112,7. Tra gli otto indicatori considerati, la mobilità sanitaria. Per quanto riguarda quella “attiva”, in numeri assoluti l’Emilia-Romagna è al secondo posto tra le regioni che attraggono più pazienti non residenti (109.000 ricoveri extraregionali), dopo la Lombardia. E sulla mobilità “passiva”, con il 6,4%, registra uno tra i rapporti minori di ricoveri fuori regione dei residenti sul totale dei ricoveri, collocandosi al terzo posto, con un punteggio di 108,4. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»