Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Covid, Misiani: “Lombardia ha rettificato i dati, errore enorme”

Attilio Fontana
I nuovi dati hanno portato a una modifica del valore Rt: "Un errore imperdonabile"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Nell’ordinanza del ministero della Salute, pubblicata oggi in Gazzetta Ufficiale, si può leggere la ricostruzione dell’errore commesso da Regione Lombardia nell’invio dei dati Covid. Il 20 gennaio sono stati trasmessi dalla Regione alla Cabina di regia nuovi dati ‘con revisione anche retrospettiva da meta’ dicembre 2020′. I nuovi dati hanno portato ad una modifica del valore Rt. Un indicatore di cruciale importanza nella classificazione delle regioni”. Così Antonio Misiani, sottosegretario al Mef.

“Questo nuovo invio di dati – che ‘costituisce una rettifica degli stessi da parte di Regione Lombardia’ – ha portato alla riclassificazione da rosso ad arancione del livello di rischio in Lombardia. Un errore imperdonabile. Danni enormi. Responsabilità politiche gravissime della Giunta regionale Fontana-Salvini. Gli stessi che in vent’anni hanno fatto il bello e cattivo tempo in Lombardia, riducendola in queste condizioni. Gli stessi che continuano a giocare a scaricabarile sulla pelle dei lombardi. Gli stessi che accusano di incapacità l’attuale Governo e vorrebbero tornare a comandare a livello nazionale. Gli stessi che dovrebbero chiedere scusa ai cittadini della Lombardia”, conclude.

LEGGI ANCHE: Covid, Lombardia e Sardegna passano in zona arancione

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»