Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tg Pediatria, edizione del 23 gennaio 2020

https://www.youtube.com/watch?v=0ihM4P8S8UU&feature=youtu.be CORONAVIRUS, ECCO I SINTOMI E I CONSIGLI DELLA SIP PER PREVENIRLO Il Coronavirus sta allarmando tutti dal Sud al Nord del
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CORONAVIRUS, ECCO I SINTOMI E I CONSIGLI DELLA SIP PER PREVENIRLO

Il Coronavirus sta allarmando tutti dal Sud al Nord del mondo. I sintomi possono essere molto variabili: da quelli più comuni, simili ai sintomi influenzali come febbre, tosse e difficoltà respiratoria, fino ai casi più gravi. “L’infezione, infatti, può anche causare polmonite, sindrome respiratoria acuta grave, dispnea, insufficienza renale e persino morte”. A spiegarlo è Elena Bozzola, segretario nazionale della Sip, che punta sulla prevenzione.

AL 2017 DA PMA 3% NATI, ETÀ MEDIA GRAVIDANZE ITALIA 35 ANNI

La procreazione medicalmente assistita continua a crescere: se al 2005 rappresentava solo lo 0,7%, dodici anni dopo rappresenta il 3% delle nascite complessive. In Italia, poi, l’età media delle gravidanze è di 35 anni. Da qui il monito di Teresa Mazzone, presidente del Sispe: “Dal punto di vista medico l’appello è quello di fare figli assolutamente prima dei 35 anni, età in cui la fertilità è già notevolmente calata”.

MALATTIE NEUROMUSCOLARI, ASL TORINO PUNTA SU BILANCI SALUTE

“Individuare precocemente le malattie neuromuscolari, come l’atrofia muscolare spinale, la sindrome di Duschenne o la malattia di Pompe” nei bilanci di salute che vengono effettuati dal pediatra di famiglia sul bambino, “a partire dal 15esimo giorno dalla nascita”. È questa la piccola-grande rivoluzione che interesserà le Asl della provincia di Torino a detta di Renato Turra, pediatra di famiglia, segretario provinciale Fimp Torino e consigliere del direttivo Sip nazionale.

GIOCO PATOLOGICO, SIP LAZIO: CIRCA 5-6% RAGAZZI AFFETTI

Disturbi visivi e del sonno, sbalzi d’umore, obesità, condotte delinquenziali, ansia, depressione e comportamenti eccessivi. Sono alcune delle conseguenze del gioco d’azzardo, che intacca la salute di “circa il 5-6% di adolescenti e ragazzi tra i 15 e i 19 anni, che, affetti dalla febbre del ‘Gratta e vinci’ e attirati dagli schermi di videopoker e slot machine, troppo spesso non riconoscono il problema come patologico”. A dirlo è Pietro Ferrara, presidente della Sip sezione Lazio, che offre alla Dire un approfondimento del quadro epidemiologico.

CON NUOVO TRIAGE A ‘SAN PIETRO FBF’ ADDIO 80% CODICI VERDI

“Prima l’80% dei codici erano verdi e non si dava una giusta priorità al paziente. Adesso questo codice in più permetterà di capire qual è l’urgenza vera, quella differibile e quali quelle prestazioni che, invece, necessitano di un intervento monospecialistico effettuabile con più semplicità”. Esordisce così Tiziana Fossatelli, infermiera dell’ospedale San Pietro Fatebenefratelli (Fbf) di Roma, che illustra i recenti cambiamenti e le frontiere future del triage pediatrico.

:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»