Giornale radio sociale, edizione del 23 gennaio 2020

Giornale radio a cura di http://www.giornaleradiosociale.it/
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

INTERNAZIONALE – Fuga dalla Libia. Ormai è emergenza umanitaria per oltre un milione di persone. Intere famiglie scappano dalla guerra. Solo gli sfollati sono arrivati a 340 mila, mentre 180 mila libici hanno lasciato le loro case. Per l’Unhcr, Agenzia dell’Onu per i rifugiati, la “situazione è drammatica e serve un cambio di passo”.

SOCIETA’ – Senza confini. A Roma un nuovo Corridoio umanitario/Centro per migranti. Grazie all’impegno dell’Esercito della Salvezza. Ascoltiamo il servizio di Anna Monterubbianesi Inaugurato oggi a Roma il nuovo Centro dedicato ai migranti e in particolare a tutte le persone soggette al “Regolamento di Dublino”. ll Corridoio umanitario permette in completa sicurezza l’accoglienza di persone con identità certa e certificate all’origine, sottratte ai trafficanti di uomini ed ai viaggi della speranza, che molto spesso si traducono in condizioni estreme e, persino, morte dei migranti. Ascoltiamo Francesca Danese, responsabile delle relazioni esterne dell’Esercito della Salvezza. 

DIRITTI – Una casa speciale. La convivenza abitativa fra persone con disabilità è possibile. A Grosseto è stato sperimentato un progetto di coabitazione fra venti persone le cui attività rientrano nelle iniziative per il “Dopo di Noi”, promosso dalla Regione Toscana e realizzata dall’ASL. Utilizzato un appartamento nel quale le persone sono state suddivise in gruppi di cinque ed hanno svolto attività varie per conquistare autonomia.

ECONOMIA – Impresa pulita. A Napoli un’operazione di polizia ha messo sotto scacco un clan della zona vesuviana. Sos Impresa-Rete per la legalità, associazione anti-racket, plaude e incoraggia a denunciare: “Liberare i nostri territori dalla criminalità e lavorare per uno sviluppo economico sano e libero dalle mafie è possibile”.

CULTURA – Un solo Paese. Quasi un milione di euro per far ripartire le biblioteche del Meridione con progetti di rigenerazione urbana grazie al nuovo bando della Fondazione con il Sud. Il servizio è di Clara Capponi
Appuntamento in biblioteca, per uno scambio culturale, un laboratorio musicale, un workshop di scrittura creativa. Sono alcune delle iniziative che si realizzeranno attraverso il “Bando Biblioteche e comunità”, promosso dalla Fondazione CON IL SUD insieme al Centro per il libro e la lettura e ANCI per valorizzare le biblioteche comunali nel Sud Italia come luoghi di inclusione sociale e spazi di rigenerazione urbana. Gli 11 progetti selezionati coinvolgeranno 119 organizzazioni fra Terzo settore, pubblico e privato; 37 biblioteche comunali e interverranno in tutte le regioni del Sud. Una boccata d’ossigeno per territori dove il divario Nord – Sud è acuito anche dalla scarsità di offerta culturale. “Sosteniamo i progetti per far trasformare le biblioteche in luoghi aperti, attrattivi, accessibili anche per chi tradizionalmente è escluso da questo mondo”

SPORT – Partite aperte. La società Allianz Powervolley Milano insieme alla Fondazione Umana Mente hanno lanciato l’iniziativa con cui, prima di ogni partita in casa, danno spazio e voce a chi ne ha di meno. Domenica, per esempio, è andato in scena un triangolare di powerchair hockey, sport di squadra inclusivo che si gioca su carrozzine elettriche, di cui la nazionale italiana è campione del mondo.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

23 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»