Ruanda, Kigali apre frontiere: “Arrivi senza visto da 95 paesi”

Promessa del presidente Kagame, a Londra per vertice post-brexit
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Da 95 Paesi in Ruanda senza piu’ bisogno di visto: la promessa e’ del presidente Paul Kagame, secondo il quale il governo di Kigali si sta muovendo per garantire esenzioni ai cittadini di tutti gli Stati membri del Commonwealth, dell’Organizzazione della francofonia e dell’Unione Africana.
Della misura il capo di Stato ha detto a Londra, nel corso di un intervento al King’s College dedicato alla “trasformazione” del Ruanda.

Il Commonwealth, l’Unione Africana e l’Organizzazione della francofonia hanno rispettivamente 53, 54 e 54 Paesi membri. A oggi, riferisce a Kigali il quotidiano New Times, dal pagamento del visto sono esentati i cittadini di appena 17 Stati dell’Africa.

Kagame si e’ recato a Londra per partecipare a un vertice continentale promosso dal governo britannico per valutare nuove opportunita’ dopo la Brexit.

La liberta’ di circolazione di beni e servizi e’ uno dei pilastri dell’African Continental Free Trade Area (Afcfta), un’area di libero scambio prefigurata da un accordo sottoscritto proprio a Kigali nel 2018.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

23 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»