L’African Summer School riparte dai premi agli studenti

ROMA - Presentare le offerte formative del nuovo anno ma anche animare e favorire un dibattito che muova dai contributi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Presentare le offerte formative del nuovo anno ma anche animare e favorire un dibattito che muova dai contributi degli intellettuali africani, dall’interculturalita’ e dalle opportunita’ di impresa sociale: l’occasione sara’ un appuntamento con l’African Summer School in programma sabato. Presso l’Universita’ Popolare di Roma (Upter) di Via Quattro Novembre, 157, dalle 16, si terra’ la cerimonia di consegna degli attestati di partecipazione alla Sesta edizione, promossa dall’associazione Redani e inaugurata lo scorso luglio a Venezia presso l’auditorium del Centro culturale cardinal Urbani.

Durante l’incontro saranno premiati il miglior business plan e il miglior elaborato proposto dai partecipanti. Dopo i saluti di Suzanne Mbiye Diku, presidente di Redani, e di Fortuna Ekutsu Mambulu, fondatore della Summer, la parola passera’ agli studenti. A intervenire anzitutto Simao Amista, del collettivo Kemet Club, vincitore Quinta edizione, e Renato Raffaele Amoroso, che presentera’ uno studio intitolato ‘Le origini della filosofia occidentale: Il negazionismo del ruolo civilizzatore dell’Africa nella storia dell’umanita”.

A moderare il dibattito Vincenzo Giardina, giornalista dell’agenzia di stampa ‘Dire’. Al suo fianco, in una seconda parte dell’incontro, la studentessa Laeticia Ouedraogo.
“L’African Summer School Italy intende favorire una nuova concezione del continente africano in Italia tramite la valorizzazione del sapere prodotto dagli intellettuali africani” sottolineano gli organizzatori. “La didattica della Sesta edizione ha offerto ai partecipanti un momento di approfondimento e di scambio tra studenti e docenti, il tutto in un ambiente in cui lo spirito critico e’ stato protagonista”.

In una nota si legge ancora: “Traendo spunti dalle eccellenze italiane di piccola e media impresa, la scuola ha avuto anche lo scopo di apportare innovazione nei mercati africani attraverso la promozione di una nuova imprenditoria attiva e giovanile, attenta alle dinamiche del mondo”. L’incontro, occasione per presentare la Settima edizione, si concludera’ con un’apericena.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»