VIDEO | Castelnuovo di Porto, l’atleta del Vaticano: “Che fine farò?”

CASTELNUOVO DI PORTO - "Sono qui da quando sono in Italia e adesso la mia preoccupazione principale è dove mi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CASTELNUOVO DI PORTO – “Sono qui da quando sono in Italia e adesso la mia preoccupazione principale è dove mi mandano. Non lo so. Il permesso di soggiorno ancora non ce l’ho. Sto aspettando che mi dicano qualcosa”. A parlare è Ansou Cissè, ventenne sengalese promessa dello sport, ospite da un anno e mezzo nel Cara di Castelnuovo di Porto che sarà chiuso entro la fine del mese per effetto del Decreto Salvini.

Tutti lo chiamano ‘Anzú‘, lui qui è una piccola celebrità. La sua storia è uguale a come quella di tanti migranti, ma lui conosce il significato della parola integrazione. “Vengo dal Senegal, sono in Italia dal 2017, vado a scuola, sto facendo le superiori e gioco a calcio con la squadra del Castelnuovo di Porto e poi sono nella squadra di atletica vaticana. Adesso se mi mandano via tutto questo diventa zero. Fortuna, sogni da realizzare, possibilità, bisogna ripartire da capo e si complicano di nuovo le cose”, racconta disperato il giovane sportivo.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»