Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Bussi, Costa chiarisce: “I 47 milioni per la bonifica sono stati stanziati”

PESCARA - "Su Bussi negli ultimi giorni si sono sentite corbellerie. I 47 milioni per la messa in sicurezza e
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PESCARA – “Su Bussi negli ultimi giorni si sono sentite corbellerie. I 47 milioni per la messa in sicurezza e la bonifica ci sono. Non so chi ha messo in giro la voce che siano stati bloccati o persi. Non è così: è solo stato cambiato il capitolo di spesa“. Lo ha dichiarato il ministro dell’Ambiente Sergio Costa, oggi a Pescara per la presentazione del programma della candidata alla presidenza della Regione Abruzzo del M5S, Sara Marcozzi, replicando a quanto annunciato giorni fa dal Forum H2O.

“Era una mera questione interministeriale- ha detto ancora Costa- Sono rimasto basito quando ho letto ciò che non corrisponde a verità. I fondi saranno assegnati come prevede la norma. L’amministrazione provinciale di Pescara ha individuato il presunto responsabile nella figura di una società privata- ha affermato- Questa cosa non incide sul processo di bonifica, ma solo sulla responsabilità personale della società e dei soggetti. I soldi vengono spesi e assegnati a chi ha vinto il bando. Poi qualora la giustizia nel suo percorso riscontri realmente colpevole quello che oggi è il presunto tale, si procederà al recupero del danno”.

di Alessandra Farias

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»