Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

VIDEO | Cara a Castelnuovo, Leu blocca bus di migranti. Salvini: “Orgoglioso di averlo chiuso”

ROMA - La deputata Rossella Muroni di Leu - Sinistra Italiana ha bloccato la partenza di un bus che trasferiva
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La deputata Rossella Muroni di Leu – Sinistra Italiana ha bloccato la partenza di un bus che trasferiva migranti dal Cara di Castelnuovo di Porto.

LEGGI ANCHE Chiuso il Cara di Castelnuovo di Porto, scoppia caso: “Indegna deportazione”. Ma Salvini: “Andranno in altre bellissime strutture”

“Il pullman del #cara di #Castelnuovodiporto deve rientrare nei cancelli perché @RossellaMuroni non li ha lasciati passare. Non si muoverà finché non saranno chiare motivazioni e destinazioni. Stima e orgoglio. La Politica è una cosa seria, e alle volte commovente”, scrive su twitter Annalisa Corrado di Green Italia e Possibile, pubblicando il video su twitter.

SALVINI: ORGOGLIOSO DI CASTELNUOVO, ORA VIA BARACCOPOLI

“Chiudere i grandi centri come Castelnuovo e ricollocare gli ospiti in strutture più piccole e controllabili è un impegno che abbiamo preso e lo stiamo facendo, andiamo avanti”. Lo dice il ministro dell’Interno Matteo Salvini, durante una conferenza stampa al Viminale. “Stiamo lavorando anche a smantellare nei prossimi mesi alcune baraccopoli a Reggio Calabria o Foggia, come San Ferdinando”. Infine, conclude: “Sono settimane di lavoro intenso ma sono orgoglioso dei risultati”.

PD RIANO: CONSIGLIO COMUNALE PER MODIFICARE DL SICUREZZA

“Quello che sta accadendo al Cara di Castelnuovo di Porto è un qualcosa di inaudita gravità e di assoluta disumanità. Un’azione di forza praticata a danno di 500 persone che avevano e hanno tutto il diritto di essere ospitate in una delle strutture di accoglienza più importanti del nostro Paese. Il dl Sicurezza promosso dal ministro Salvini, disconoscendo qualsiasi forma di asilo e integrazione, inizia a produrre effetti pesanti per i territori e per gli stessi amministratori locali, obbligati a fronteggiare da soli l’accoglienza di tutte quelle persone uscite dai percorsi di protezione e ormai senza diritti che si vedranno costrette a vivere in mezzo a una strada, nei parchi pubblici o, magari, in edifici occupati abusivamente. Più che un dl Sicurezza, dunque, parliamo di un dl ‘Insicurezza’. In quest’ottica abbiamo chiesto al presidente del Consiglio del Comune di Riano di convocare una seduta per discutere e approvare l’odg promosso da Legautonomie che invita il sindaco ad aderire e sostenere l’iniziativa intrapresa dai molti sindaci italiani volta a risolvere i conflitti normativi e il contrasto con i principi Costituzionali, sollevati dalla entrata in vigore del dl 113 del 4 ottobre 2018, a promuovere ogni iniziativa volta ad interpellare la Corte Costituzionale o altro organismo competente in materia di diritti umani, a chiedere, aderire e sostenere l’azione di ricorso alla Corte Costituzionale su iniziativa della Regione”. Così in un comunicato i consiglieri comunali del Partito Democratico di Riano, Luca Abbruzzetti, Luigi Poeta e Maria Cristina Mazza.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»