Due anni senza Giulio, in piazza per chiedere giustizia

Da una parte all'altra dell'Italia sono in programma decine di iniziative per ricordare Giulio Regeni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Da piazza Pasi, a Trento, a via Ettore Romagnoli, accanto al teatro greco di Siracusa: sono decine, in tutta Italia, le iniziative per ricordare Giulio Regeni e soprattutto, a due anni dalla scomparsa e dall’assassinio del ricercatore friulano, per chiedere giustizia.

Le iniziative, cortei, sit-in o anche solo incontri e dibattiti, sono in programma in decine di città italiane giovedì. Previsto un momento comune, nelle piazze, nelle strade o nei teatri: alle 19.41, a due anni esatti da quando Regeni fu visto per l’ultima volta al Cairo, saranno accese migliaia di candele.

“Il 25 gennaio 2016 il nome di Giulio Regeni si aggiungeva a quelli dei tanti egiziani e delle tante egiziane vittime di sparizione forzata” ha sottolineato Amnesty International, una delle tante ong impegnate nella richiesta di giustizia. “Pochi giorni dopo, il 3 febbraio, il nome del ricercatore italiano si aggiungeva al lungo elenco delle persone torturate a morte in Egitto“.

Insieme con altre ong, Amnesty si è impegnata a verificare i progressi nelle indagini a seguito del ritorno al Cairo dell’ambasciatore italiano Giampaolo Cantini. Nei giorni scorsi del caso Regeni si è tornato a parlare per la perquisizione dell’ufficio e dell’abitazione di Maha Abdel Rahman, professoressa dell’Università di Cambridge tutor del ricercatore. Nell’operazione, disposta dalla Procura di Roma, il 10 gennaio sono stati acquisiti pc, pen-drive, hard disk e cellulari. Secondo Amnesty, a ogni modo, “la verità sull’omicidio di Regeni la deve fornire il governo egiziano e deve chiederla con forza il governo italiano”. Antonio Marchesi, presidente dell’ong: “Noi continuiamo a coltivare la speranza che quell’insistere giorno dopo giorno a chiedere la verità e quelle iniziative che quotidianamente si svolgono in Italia e non solo producano il risultato che attendiamo: l’accertamento delle responsabilità per la sparizione, la tortura e l’uccisione di Giulio”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»