Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Salvini smentisce Berlusconi: “Pronti a non applicare regole europee”

Dopo le rassicurazioni di Berlusconi ai popolari europei arriva la smentita dell'alleato Salvini: "Pronti a tutto per tutelare interesse nazionale"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Sull’euro non abbiamo mai cambiato idea nè mai cambierò idea”. Così Matteo Salvini in conferenza stampa alla Camera, sottolineando che nel centrodestra “ogni iniziativa sarà concordata e coordinata. Noi non neghiamo a priori nessuna possibilità, non mi sentirete fare inversioni a U”.

Salvini ammette che tra Lega e Forza Italia “ci sono due sensibilità diverse” e rivendica: “Per difendere gli interessi e le imprese italiane noi siamo disposti a tutto anche a disapplicare le regole europee che si sono dimostrate un disastro”.

Insomma “Se il numerino 3 danneggia il risparmio, il lavoro e le famiglie italiane per noi non esiste”, sottolinea Salvini.

Per il segretario della Lega “l’euro era e resta un esperimento sbagliato che ha danneggiato il lavoro e l’economia italiana” e se andrà al governo l’idea è quella di “rivedere i trattati europei, faremo una trattativa che mettere al centro l’interesse nazionale. Sento che c’è un partito che si chiama +Europa, noi se non ci chiamassimo Lega ci chiameremmo +Italia, perchè più Europa è come dare del whisky a un alcolista”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»