Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Governo, mercoledì sera “Porte aperte” ai cittadini

[caption id="attachment_48872" align="alignleft" width="300"] Nicola Renzi[/caption] SAN MARINO - Occhio sui primi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Nicola Renzi

SAN MARINO – Occhio sui primi trenta giorni di legislatura e sui prossimi mesi di lavoro. I segretari di Stato invitano i sammarinesi a partecipare alla prima uscita pubblica del nuovo congresso di Stato. Nell’incontro settimanale con i cronisti, Guerrino Zanotti e Nicola Renzi, rispettivamente segretario di Stato per gli Affari interni e per gli Affari Esteri, annunciano l’appuntamento, dal titolo “A porte aperte“, previsto per mercoledì alle 21 alla sala Montelupo di Domagnano che vedrà per protagonisti tutti e sette i rappresentanti dell’esecutivo.

“Avremo modo di informare la popolazione su ciò che il governo ha fatto nei primi 30 giorni di legislatura- spiega Zanotti- e su quella che è la situazione dei conti pubblici e dell’economia sammarinese, e ancora di tutte le iniziative che il governo intende portare avanti nei primi mesi dell’anno”. I segretari sottolineano la rilevanza dell’appuntamento che “fa seguito in modo tempestivo agli impegni presi in campagna elettorale- spiegano- e che ci portano a voler essere più presenti nel Paese, e ad avere un contatto diretto la con cittadinanza“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»