Ronde whatsapp? Funzionano: a Ozzano meno 30% dei reati in 6 mesi

E' stato sperimentato nel Comune di Ozzano dell'Emilia, in provincia di Bologna, in base ad un accordo tra Comune, Polizia municipale e Carabinieri
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Furti, e reati in genere (micro-criminalità, truffe e raggiri) in calo del 30% in poco più di sei mesi. Positivo il primo bilancio dell’iniziativa di ‘Controllo di vicinato‘ messa in piedi dal Comune bolognese di Ozzano dell’Emilia, in collaborazione con la Polizia municipale e i Carabinieri, e che prevede la formazione di gruppi Whatsapp formati da cittadini comuni che hanno dato la propria disponibilità ad aiutare le Forze dell’ordine. Il punto è stato fatto ieri sera durante un incontro a cui hanno partecipato anche rappresentanti dei vigili e dei Carabinieri, è stato, scrive il Comune, “più che positivo, e anche il comandante dei Carabinieri ha riconosciuto l’ottimo lavoro di controllo del territorio che viene fatto dai gruppi di volontari, che ha portato ad una ragguardevole diminuzione, circa il 30% in meno, dei furti e dei reati in genere (micro-criminalità, truffe e raggiri)”.

Da parte sua, il sindaco Luca Lelli osserva che “occhi aperti e controllo del vicinato, uniti al fatto che molti cittadini hanno installato cancelletti e allarmi, sono gli elementi che hanno portato a questo risultato”, che dimostra che “la collaborazione fra cittadini e Forze dell’ordine è fondamentale”. All’incontro di ieri sera, conclude il sindaco, hanno partecipato “anche alcuni referenti di due gruppi già attivi sul territorio con altre finalità, che ora hanno aderito al progetto ‘Controllo di vicinato’, portando a sette il numero dei gruppi attivi ad Ozzano“.

di Andrea Mari, giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»