Tragedia al Rigopiano, Giancaterino: “Se avessi saputo mi sarei tagliato un braccio”

L'ex sindaco di Farindola autorizzò l'ampliamento dell'hotel Rigopiano, nel quale ha trovato la morte il fratello Alessandro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Com’era l’Hotel Rigopiano prima della slavina

ROMA – “Se avessi saputo (della valanga che ha travolto l’hotel Rigopiano, ndr), mi sarei tagliato il braccio destro”. Lo ha detto Massimiliano Giancaterino, oggi in diretta ad Agorà (Raitre), l’ex sindaco di Farindola che autorizzò l’ampliamento dell’hotel Rigopiano, nel quale ha trovato la morte il fratello Alessandro.

“Ma non potevo saperlo. E sinceramente non me ne faccio una colpa, perché abbiamo dato un’opportunità a tanta gente del paese. Ora non ci sto alla caccia a un responsabile come capro espiatorio”, ha concluso Giancaterino.

OSPEDALE PESCARA: BAMBINI SALVATI SARANNO DIMESSI OGGI

 “I bambini (salvati nell’hotel Rigopiano, ndr) stanno bene e verranno dimessi oggi”, ha reso noto Giuliano Lombardi, primario di pediatria dell’ospedale di Pescara.

LEGGI ANCHE Rigopiano, i dispersi sono 24, le persone salvate 9. Trovato un corpo: vittime sono 6

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»