Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Caso luminarie a Ciampino, Pd: “Si potevano proporre progetti per bandi”

luci natale
La cittadina alle porte di Roma è rimasta priva di luci natalizie
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Ci dispiace che Assocommercianti abbia stravolto il nostro comunicato. Abbiamo ascoltato il malcontento dei cittadini che lamentavano l’assenza di un’atmosfera natalizia che invece avevano ritrovato gli scorsi anni”. Esordisce così all’agenzia Dire il vice segretario del Pd di Ciampino, Nicolò Di Matteo, sul caso delle luminarie e della loro assenza in questi giorni di festività per le strade della cittadina ciampinese che ha scatenato una polemica, a colpi di botta e risposta con Assocommercianti.

LEGGI ANCHE: Assocommercianti: “A Ciampino non ce la siamo sentita chiedere i soldi per le luci”

“Non c’è solo la raccolta fondi e non è nostra intenzione prendere soldi dai commercianti che vivono difficoltà da due anni- ha aggiunto il vice segretario Pd- ma esistono altri modi come proporre progetti, ottenere bandi regionali. Seguendo la dovuta prassi il commissario avrebbe ascoltato Assocommercianti come ha fatto a Grottaferrata“. Silvia Martone del Direttivo del partito ha aggiunto: “Apprezziamo l’iniziativa social, ma resta innegabile che soprattutto le piccole botteghe del territorio vanno sostenute in presenza e non online. Apprendiamo che non c’è legame tra Assocommercianti e la politica e ne avremo conferma quando usciranno le candidature“.

La campagna elettorale si annuncia vivace, Di Matteo parla di “toglierci l’etichetta di città dormitorio e fare in modo che i cittadini abbiano spazi aggregativi, trasporti pubblici e luoghi d’incontro”. Martone annuncia alcune proposte, tra cui “ripristinare la Consulta delle Pari opportunità, un Comune più efficiente, pensare a fondi europei e regionali e non trascurare il tessuto commerciale”. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»