Tg Politico Parlamentare, edizione del 22 dicembre 2020

Si parla di: primo vaccino in Italia; manovra su un maxiemendamento da record; intesa Conte-Renzi; italiani bloccati a Londra
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

UN’INFERMIERA LA PRIMA VACCINATA IN ITALIA

Si parte col vaccino anti-Covid anche in Italia. La prima persona a riceverlo sara’ un’ infermiera dello Spallanzani. La vaccinazione avverra’ il 27 dicembre, come annunciato dal premier Giuseppe Conte. Insieme all’infermiera, saranno vaccinati anche altri quattro operatori dell’istituto romano: si tratta di un operatore socio sanitario, di una ricercatrice e di due medici. Tra i primi vaccinati ci saranno anche i detenuti, grazie a un emendamento inserito alla manovra per iniziativa del radicale Riccardo Magi. Dopo l’autorizzazione da parte dell’Unione europea al vaccino Pfizer-Biontech, l’Italia si mette in condizione di eseguire la vaccinazione di massa da gennaio. Intanto prosegue il pressing di una parte del mondo sanitario sulla politica perche’ adotti regole piu’ stringenti, a seguito della individuazione della variante inglese del Covid. “Se continua di questo passo avremo 40mila morti a febbraio”, avverte Walter Ricciardi, consulente del ministro della Salute.

GOVERNO, PROVE D’INTESA TRA CONTE E RENZI

Prove d’intesa tra Italia Viva e il premier Giuseppe Conte, nel corso di un vertice a Palazzo Chigi che archivia le polemiche sul recovery fund. “La task force non c’e’ piu'”, dice la ministra Teresa Bellanova che saluta la novita’ come la premessa per un lavoro comune sulle emergenze del Paese. Ma Matteo Renzi non si accontenta e chiede una posizione chiara del premier anche sul Mes, il fondo da 36 miliardi per le spese sanitarie. “La palla ce l’ha Conte”, dice Renzi che confida in una svolta anche su questo capitolo. Domani ci sara’ il Consiglio dei ministri che dovrebbe dare il via libera al Piano di rinascita e resilienza.

CENTINAIA DI ITALIANI BLOCCATI A LONDRA

Sono centinaia gli italiani rimasti intrappolati negli aeroporti londinesi di Heathrow e Stansted dopo che il governo ha sospeso i voli con la Gran Bretagna. La paura della variante inglese del Covid ha spinto l’Italia a prendere questa decisione. Ora pero’ ci sono famiglie, giovani e anziani bloccati a Londra fra difficolta’ economiche, scarse informazioni e il problema immediato di dove trovare un posto per dormire. “Cosa intende fare la Farnesina per far rientrare i nostri connazionali?”, attacca Giorgia Meloni. Le opposizioni fanno pressing sul ministro degli Esteri Luigi Di Maio. Il rischio e’ che prima dell’Epifania non venga organizzato nessun ponte aereo.

MANOVRA, MAXIEMENDAMENTO RECORD DA MILLE COMMI

La Camera si avvia a votare la fiducia alla manovra su un maxiemendamento da record con oltre mille commi. Un provvedimento extralarge che e’ lievitato sempre di piu’ per le 254 modifiche approvate in commissione nella maratona del weekend scorso. Dalla cassa integrazione per gli autonomi alla proroga del superbonus, dallo sconto sulle smart tv all’assunzione di medici e infermieri. E poi una pioggia di micromisure, fondi e piccoli incentivi su tutto: rubinetti, occhiali, presepi. Nel gran calderone delle norme che hanno saziato gli appetiti di maggioranza e opposizione e’ pero’ rimasta fuori la Capitale. La denuncia arriva da Carlo Calenda, candidato sindaco a Roma, che critica cosi’ il governo: “Niente poteri speciali, niente soldi, niente completamento della metro C. La citta’ e’ stata abbandonata e lasciata senza risorse”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»