Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Moiorana (Ides): “Patto innaturale tra partiti sicilianisti e Lega”

La pensa così il presidente di Identità siciliana sulla proposta di Matteo Salvini di una alleanza con i partiti sicilianisti accettata dal Mpa di Raffaele Lombardo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Pregiudizio verso la Lega? Assolutamente no. Anche se le offese gratuite ricevute non ci fanno piacere, semmai valutiamo, al di là dei proclami di Salvini, la sua politica economica che, a tutt’oggi, è contro la Sicilia e il Sud. Mi riferisco alla legge 42 del 2009, voluta dalla Lega Nord, con la quale si è posto, come coefficiente a base della distribuzione delle risorse, dallo Stato alle Regioni, non la percentuale della popolazione ma il principio della ‘spesa storica’. Madre di tutte le ingiustizie poiché dà di più a chi negli anni precedenti ha speso di più e meno alle regioni del Sud che essendo più povere hanno speso di meno. Di fatto, pur avendo la Sicilia e il Sud una popolazione del 34,3%, ricevono il 28,3 % delle risorse che in valore assoluto corrispondono a 62 miliardi di euro l’anno in meno. In 10 anni sono stati sottratti 620 miliardi, come ha affermato la Svimez, qualche mese fa.La politica si basa su fatti concreti e il nostro obiettivo è difendere i diritti dei siciliani e dei meridionali e a questo fine non ci interessa il colore dei gatti purché mangino i topi. Quindi, se la Lega farà abrogare la iniqua ed incostituzionale legge 42 del 2009 e richiede al Governo la destinazione alla Sicilia ed al Sud della quota spettante prevista dalla Ue per il Recovery fund, possiamo rivedere anche il nostro giudizio sulla Lega. Ma tutto ciò oggi è inimmaginabile perché al di là dalla nuova proposta di Salvini di volere attuare una Lega nazionale, è sempre nei fatti Lega Nord”. Così alla Dire Enzo Maiorana, presidente del movimento Ides Identità siciliana, sulla proposta di Matteo Salvini di una alleanza tra i partiti sicilianisti e la Lega accettato dal Mpa di Raffaele Lombardo.

Per Maiorana, che è anche coordinatore per la Sicilia e la Calabria del movimento meridionale Nuovo Sud, questo è un “patto fortemente innaturale” e definisce “vuote di senso, utili solo a giustificare alleanze che possano garantire più posti al Parlamento” le affermazioni dell’Mpa per cui sarebbe, invece, “un patto di ferro basato su precisi progetti, idee chiare quali aumento delle infrastrutture, sviluppo agroalimentare, digitalizzazione, sviluppo tecnologico e lotta all’assistenzialismo”. Progetti impossibili da realizzare secondo il presidente di Ides: “Sull’agroalimentare Salvini ha promesso di tutelare i produttori di riso con l’introduzione di tasse sulle importazioni mentre in Sicilia si produce il grano e si consente l’importazione del grano canadese pieno di glifosato e il cui costo è molto inferiore ai nostri costi di produzione, così come si permette l’importazione degli agrumi a danno degli agricoltori siciliani della piana di Catania.

Per quanto riguarda le infrastrutture pensi che l’Ue darà all’Italia circa 65 miliardi a fondo perduto da destinare alla Sicilia e alle Regioni del Sud per ridurre il gap economico e la disoccupazione, nonostante ciò ci daranno 21 miliardi in meno di quanto ci spetterebbe e Salvini, così come i suoi alleati, naturalmente fa finta di non sapere perché la spartizione avvantaggerà come sempre il suo Nord”. La scelta di dar vita al movimento Identita’ Siciliana nonostante già esistessero due movimenti – l’Mpa e Diventerà bellissima voluta da Musumeci – nasce, spiega il presidente del movimento Ides, dal fatto che gli altri due “sono stati voluti da vecchi politici che non hanno mai avuto la fiducia della gran massa dei siciliani e di fatto al di la’ del simbolo non hanno mai realizzato un miglioramento delle condizioni sociali ed economiche della nostra gente. Non si sono mai battuti per la completa attuazione dello Statuto di Autonomia speciale Siciliana e poi perché – ammette – ci divide tutto. Questi movimenti, pur avendo programmi condivisibili, non li hanno mai realizzati – ancora Maiorana -. Noi vogliamo realizzarli. Lombardo è stato presidente della Regione, Musumeci lo e’ ed i siciliani non hanno beneficiato di nulla. Basta pensare – conclude – al comunicato dell’alleanza tra la Lega e l’Mpa per dimostrare che quest’ultimo non difende nemmeno la dignità dei siciliani: si afferma che la scelta del prossimo candidato alla presidenza della Regione Siciliana spetta di diritto a Salvini”. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»