“Caro Babbo Natale…”, lettera Disability Pride: Lea e Peba tra i regali

Dal lavoro all'assistenza sessuale, le richieste per uno che può molto di più del governo (e che ha le sembianze di Mirko Matteucci)
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Una vita indipendente; l’assistente sessuale; i Lea; scuola, formazione e università; lavoro; turismo accessibile; i P.E.B.A (Piani di elimanzione delle barriere architettoniche). Sono i ‘regali’ che Disability Pride Onlus chiede a Babbo Natale, uno “molto di più” di qualsiasi ministro e o capo del governo. E’ con la leggerezza di un video che Carmelo Comisi, presidente della onlus, presenta le richieste contenute in una lettera aperta alle istituzioni e alla societa’. Ma visto che dalle prime non arrivano risposte, forse è meglio affidarsi a Babbo Natale. Che, in questo caso, ha le sembianze di Mirko Matteucci. “Oh, oh, oh- dice Babbo Natale- certo che ve le porto”, assicura. Ma non sembra molto affidabile. Morale? “O ci affidiamo a Babbo Natale- dice Carmelo nel video- oppure dobbiamo rimboccarci le maniche e farcelo da noi”. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»