Serracchiani alla mostra su Mirò a Villa Manin: “Ci riempie di orgoglio”

[caption id="attachment_30334" align="alignleft" width="255"] Una delle opere in mostra (dal sito www.villamanin.it)[/caption] CODROIPO
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
miro_villa_Manin6
Una delle opere in mostra (dal sito www.villamanin.it)

CODROIPO (UD) – La mostra di Mirò in Friuli, che fino a oggi è stata vista da 22.000 persone, è “una rassegna che ci regala forti emozioni e che ci riempie d’orgoglio“. Lo ha sottolineato oggi a Villa Manin di Passariano (Codroipo) la presidente della Regione Debora Serracchiani a conclusione della visita alla mostra ‘Joan Miró a Villa Manin. Soli di notte’.

Un’esposizione, ha aggiunto la presidente che nella visita è stata accompagnata dal curatore Marco Minuz, dal vicepresidente della Regione Sergio Bolzonello, dall’assessore alla Cultura Gianni Torrenti, dai responsabili dell’Azienda speciale Villa Manin, Piero Colussi e Antonio Giusa, che ha voluto rimarcare la “capacità di attrazione” di questa grande iniziativa culturale ospitata nella Villa sino al 3 aprile: “Una visibilità per tutto il Friuli Venezia Giulia e per questo nostro grande contenitore d’arte, che grazie a iniziative di eccellenza è in grado farsi riscoprire”, ha indicato Serracchiani.
La rassegna, inaugurata lo scorso 17 ottobre, è stata visitata appunto da oltre 22.000 persone, con una media di circa 400 ingressi al giorno.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»