Da Max Gazzè alla dance, per Capodanno a Napoli c’è musica ovunque

NAPOLI - Dalla dance ibizenca ai cantautori, fino
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

max gazzèNAPOLI – Dalla dance ibizenca ai cantautori, fino agli anni Settanta e Ottanta: a Napoli, per Capodanno in ogni piazza si fa musica. Il programma, seppur provvisorio, conta già una marea di artisti. Dalle 21.30, nel tradizionale concerto in piazza del Plebiscito, si esibiranno, tra gli altri: Max Gazzè, Enzo Avitabile & Bottari, Clementino, Nello Daniele, Lina Sastri, Tony Esposito, Daby Tourè, Rino Zurzolo.  All’1.30, da Castel dell’Ovo, è previsto lo spettacolo di fuochi d’artificio, mentre sul Lungomare Caracciolo partirà la  discoteca con animazione e live Music.

Musica dal vivo anche in piazza Vittoria con Capone, Daniele Sepe, Gnut, Nelson, Andrea Tartaglia, Aldolà Chivalà, Alessio Sollo (The collettivo). Presenti anche, come ospiti, i cantanti Tueff e Lucariello.
Per gli amanti della dance, ritrovo alla Rotonda Diaz: Ibiza Dancefloor con Alex Colle, Cerino Testarossa, Mark William’s, Gianpiero xp, Christian Key, Marta Martinez e Timo Suarez. E, per i nostalgici, Revival anni ’70 e ’80 al Borgo Marinari  con Ivano Petagna, Marco Pesacane. Infine su via Partenope djset latino con Gino Latino.

Il programma definitivo sarà presentato il prossimo 28 dicembre alle 12 nella Sala della Giunta di Palazzo San Giacomo dal sindaco di Napoli Luigi de Magistris, alla presenza degli artisti.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»