Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Banche, la protesta dei risparmiatori davanti a Bankitalia: “Vogliamo i nostri soldi”

ROMA - 'Vogliamo i nostri soldi', 'Ladri'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

sit in riparmiatori_bankitaliaROMA – ‘Vogliamo i nostri soldi‘, ‘Ladri‘ e ‘Vergogna‘. Sono solo alcuni dei cori dei circa 200 manifestanti del Comitato vittime del Salva banche, che si sono radunati questa mattina a Roma, a via Nazionale, per protestare contro il ruolo avuto da Banca d’Italia e contro “l’inerzia del governo” nella vicenda dei 4 crack bancari (Cassa di Ferrara, Banca Marche, Banca Etruria e CariChieti). Sulla scalinata del Palazzo delle Esposizioni, uomini, donne, pensionati e piccoli azionisti con slogan e cartelloni stanno urlando la loro rabbia contro una vicenda “che sta assumendo caratteri nazionali”.

Durante la protesta, organizzata da Adusbef e Federconsumatori, si sono avuti momenti di tensione con i manifestanti che hanno improvvisato un mini corteo non autorizzato verso la sede della Banca d’Italia con il presidente di Federconsumatori, Rosario Trefiletti, che ha tentato di bloccare la marcia, arrivando anche allo scontro verbale con gli altri organizzatori. “Queste persone non devono rovinare tutto con azioni sconsiderate- ha detto- se fanno in questo modo ci mandano tutti al diavolo”. Il corteo è stato comunque bloccato dale forze dell’ordine a pochi metri dal PalaExpo. Una delegazione, però, si è potuta incamminare verso Bankitalia. (Foto di L. Inciocchi)

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»