hamburger menu

Nel 2023 Genova capitale della vela con Ocean Race. E punta a raddoppiare

La regata compie 50 anni e arriva per la prima volta in Italia, con partenza da Alicante (Spagna) e 'Grand Finale' previsto dal 24 giugno al 2 luglio nel capoluogo ligure

Pubblicato:22-11-2022 15:19
Ultimo aggiornamento:22-11-2022 15:20
Canale: Genova
Autore:
ocean_race_1
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – Trentaduemila miglia da Alicante a Genova, una sfida estrema e un evento sportivo planetario ma anche un progetto di promozione per l’Italia e la Liguria. L’Ocean Race compie 50 anni e per la prima volta nella sua storia arriverà in Italia: partenza fissata il 15 gennaio da Alicante, in Spagna, e arrivo a Genova con il ‘Grand Finale’ previsto dal 24 giugno al 2 luglio 2023.

La più straordinaria e difficile regata intorno al mondo sarà divisa in otto tappe attraverso gli oceani Atlantico, Indiano e Pacifico, sfiorando anche l’Antartide. Su tutti, suggestivo e sfidante il tratto tra Cape Town e Itajaì, il più lungo della storia della Ocean Race: una maratona di 12.750 miglia senza scalo con l’inedito passaggio dei tre grandi capi meridionali, Capo di Buona Speranza, Capo Leeuwin e Capo Horn. E alla fine sarà protagonista Genova, diventando – o meglio, tornando – capitale mondiale della vela.

ocean_race_1

IL NUOVO WATERFRONT E L’OCEAN LIVE PARK

Oltre all’arrivo dei partecipanti, sono attese 300mila presenze nel nuovo Waterfront di Levante dove sarà allestito l’Ocean Live Park per ospitare numerosi eventi collaterali. “Presentiamo nel tempio dello sport un evento che unisce e dà tanti significati, e che travalica lo sport stesso”, ha spiegato il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, nella conferenza stampa ospitata al Salone d’Onore del Coni di Roma, “il contesto più appropriato per raccontare una storia di successo”, come ha sottolineato il presidente Giovanni Malagò.

OCEAN RACE COME VETRINA PER GENOVA E L’ITALIA

“Sarà una gigantesca epopea sportiva e una straordinaria opportunità per il nostro Paese di mettersi in mostra – ha aggiunto Toti – E spero che tutto questo si possa trasformare anche in una occasione di lavoro per i giovani e per l’indotto del territorio”. Non solo sport, non solo economia. Genova e la Ocean Race sono unite nel rispetto e nell’attenzione all’ambiente.

ocean_race_1

L’IMPEGNO PER L’AMBIENTE

Dal capoluogo ligure è infatti già partito un percorso che vedrà protagonisti i massimi esperti internazionali del settore, impegnati per redigere ‘La Carta dei Diritti degli Oceani’ che sarà poi consegnata all’Assemblea delle Nazioni Unite a New York nel novembre 2023.

“‘Genova The Grand Finale’ sarà un’occasione di sport incredibile e una grande occasione di visibilità per la città“, ha spiegato il sindaco Marco Bucci. “Vogliamo che Genova diventi il palscoscenico di questo evento ma che abbia ricadute positive anche nei mesi e negli anni a venire, rilanciandosi con la vela. In più vogliamo anche guardare all’ambiente: sarà un’edizione sostenibile, un’occasione unica per poter rispettare gli oceani, verso i quali invieremo un forte messaggio al mondo”.

Quindi il presidente della Federvela, Francesco Ettorre: “Le istituzioni sono fantastiche quando riescono a fare squadra e Toti e Bucci sono stati i primi a credere in questo evento. È un onore essere al loro fianco per la gestione, supportandone lo svolgimento in acqua come nostro primo grande obiettivo”, ha detto il numero uno della Fiv.

In conferenza, tra gli altri, anche la vicepresidente vicaria del Coni e genovese doc, Silvia Salis. “Per me oggi è come giocare due volte in casa. Genova è la capitale della vela e nel 2024 sarà Capitale europea dello Sport: arrivarci con questo evento è straordinario. Ringrazio per l’impegno che è stato profuso dalle istituzioni, Genova ha dimostrato una volta di più che sa fare le cose in grande”.

E GENOVA PUNTA AL BIS

A chiudere gli interventi istituzionali, il ministro per lo Sport e i Giovani, Andrea Abodi, che ha lanciato la suggestione di una nuova candidatura di Genova per le prossime edizioni della Ocean Race. “Mi auguro che l’edizione del 2023 sia solo la prima e che ci sia un’altra candidatura, perché questi eventi hanno bisogno di continuità e lo abbiamo dimostrato con Genova“, le sue parole. L’evento “è molto di più di una competizione, è una meravigliosa e affascinante avventura che mette in primo piano anche un settore industriale importante e con grandi valori, che attraversa anche un ambiente – il mare – che si cerca di salvaguardare”, ha ricordato Abodi. Per il quale “la missione di questi giorni deve diventare l’impegno quotidiano. Lo sport sarà sempre più un testimone”.

I PARTECIPANTI DELL’OCEAN RACE 2023

Sul piano sportivo, finora hanno dato conferma di partecipazione cinque imbarcazioni della classe Imoca, ma nelle prossime settimane è prevista l’iscrizione di altre barche. Due i velisti italiani in gara: Francesca Clapcich, con all’attivo la partecipazione ai Giochi Olimpici di Londra 2012 e Rio 2016 nel 49er, sarà a bordo di 11th Hour Racing Team; Giulio Bertelli, protagonista nell’ultima America’s Cup con Luna Rossa, affiancherà Paul Meilhat a bordo di ‘Biotherm’.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-11-22T15:20:22+01:00