hamburger menu

In manovra 400 milioni per l’alluvione nelle Marche

Saranno destinati ai territori e alle popolazioni colpite dall'evento a settembre, per i quali era stato dichiarato lo stato di emergenza

Pubblicato:22-11-2022 13:03
Ultimo aggiornamento:22-11-2022 13:03
Canale: Marche
Autore:
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ANCONA – “Il Presidente del Consiglio ha appena ufficializzato che nella manovra è previsto un cospicuo intervento, 400 milioni, a sostegno delle popolazioni dei territori marchigiani colpiti dalla calamità dello scorso settembre. Mi sento di ringraziare il Presidente Giorgia Meloni e, con lei, il Governo e tutte le forze di maggioranza che hanno dimostrato di comprendere il dramma di un territorio che finora è stato condannato a vivere nella precarietà e nell’incertezza. È un primo segnale che ci consente di progettare una risposta adeguata ad una problematica annosa”. Scrive su social il governatore delle Marche, Francesco Acquaroli.

I FONDI SARANNO DESTINATI AI TERRITORI E ALLE POPOLAZIONI COLPITE

I fondi saranno destinati ai territori e alle popolazioni colpite dall’alluvione dello scorso settembre nelle Marche, per i quali era stato dichiarato lo stato di emergenza. Le risorse serviranno a finanziare interventi quali, fra gli altri, il ripristino della funzionalità dei servizi pubblici e delle infrastrutture di reti strategiche, le attività di gestione dei rifiuti e interventi per la riduzione del rischio residuo nelle aree colpite dagli eventi calamitosi.

“LA FERMEZZA DI MELONI SI TRADUCE IN ATTI CONCRETI”

“Sono particolarmente soddisfatta del risultato ottenuto dal governo– afferma il sottosegretario Lucia Albano–. È frutto di un lungo lavoro avvenuto in diversi tavoli tecnici, ai quali ho partecipato insieme al governatore Acquaroli, e della precisa volontà del presidente Meloni di non abbandonare le popolazioni colpite dall’alluvione, come da lei sottolineato più volte. Sono contenta che la fermezza del nostro Presidente del Consiglio si sia tradotta in atti concreti a sostegno delle comunità marchigiane in così breve tempo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-11-22T13:03:25+01:00