hamburger menu

Pioggia e vento, in Sardegna si contano i danni nelle campagne

Serre scoperchiate e alberi sradicati, la Coldiretti isolana sta raccogliendo informazioni su tutto il territorio regionale: "Devastati anche uliveti"

Pubblicato:22-11-2022 12:47
Ultimo aggiornamento:22-11-2022 12:47
Canale: Sardegna
Autore:
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

CAGLIARI – Serre scoperchiate e alberi sradicati, con la conta dei danni -ancora in corso- che rischia di consegnare un bilancio pesante. Non sta risparmiando l’agricoltura l’ondata di maltempo che si sta abbattendo in queste ore in Sardegna e, da un primo report della Coldiretti isolana, risulta che a pagare i maggiori danni sono gli agricoltori del terralbese, nel Campidano di Oristano. Il forte vento ha scoperchiato diverse serre proprio nel territorio che ricade nei Comuni di Terralba e San Nicolò d’Arcidano, danneggiando impianti di fragole, funghi e piante orticole. Ma anche ortaggi in pieno campo si segnalano già compromessi e non potranno essere più destinati al mercato né del fresco né della quarta gamma.
Un report in aggiornamento con i funzionari della Coldiretti che stanno raccogliendo informazioni in tutto il territorio regionale, in un momento ancora molto critico in cui, soprattutto il forte vento che si aggiunge alle incessanti piogge, stanno creando diversi problemi e tengono in apprensione gli agricoltori e allevatori. Al momento, si legge in una nota della Coldiretti, si segnalano diversi alberi abbattuti dal vento che rendono difficile e pericolosa la viabilità in diverse parti della Sardegna. “Nelle prossime ore si potrà fare una più dettagliata conta dei danni- specifica l’associazione- che non esclude comunque l’olivicoltura -con uliveti devastati a raccolta delle olive in diversi territori ancora in corso– così come per le colture in pieno campo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-11-22T12:47:09+01:00