Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Giornata degli alberi, l’Ue per quelli monumentali di Bolasco

OpenCoesione è l’iniziativa di open government sulle politiche di coesione in Italia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – A Castelfranco Veneto, in provincia di Treviso, la Villa di Bolasco è un gioiello storico-artistico, ma nel suo parco oltre alle 44 statue si cela anche un tesoro arboreo: l’abete bianco e rosso, il ligustro lucido, la magnolia grandiflora, il pino nero, il begolaro americano o il cedro dell’Himalaya sono solo alcuni degli alberi monumentali presenti, che sono stati interessati da un progetto di restauro, recupero e valorizzazione finanziato anche con fondi europei e nazionali.

A dare evidenza al progetto in occasione della Giornata mondiale dell’Albero è oggi OpenCoesione, il portale dedicato ai progetti di coesione territoriale in Italia.

Il progetto di ricerca dedicato alla Villa di Bolasco è stato realizzato dall’Università di Padova con oltre 2,5 milioni di euro del Programma operativo della Regione Veneto finanziato dalle risorse europee del Fondo europeo per lo sviluppo regionale (Fesr), nel ciclo di programmazione 2007-2013.

Gli esiti del lavoro condotto dai ricercatori su questa tipologia di alberi, che si distinguono per grandezza, longevità e valore storico, sono disponibili online. Visitando il sito web del Parco Bolasco è possibile esplorare virtualmente la villa storica e approfondire storie e caratteristiche degli alberi monumentali presenti nel Parco.

Il progetto, concluso nel 2015, ha avuto come obiettivo specifico quello di valorizzare le risorse naturali, culturali e paesaggistiche del Parco, trasformandole in vantaggio competitivo al fine di aumentare l’attrattività, anche turistica, del territorio. Questo tipo di interventi è volto anche a migliorare la qualità della vita dei residenti e promuovere nuove forme di sviluppo economico sostenibile.

OpenCoesione è l’iniziativa di open government sulle politiche di coesione in Italia, coordinata dal dipartimento per le Politiche di coesione della Presidenza del Consiglio dei ministri.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»