Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tg Psicologia, edizione del 22 novembre 2019

A cura della redazione psicologia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

GALLESE: CON NEURONI SPECCHIO NUOVO APPROCCIO AD AUTISMO

“Il tema dell’autismo è molto complesso, per molti anni si diceva che fosse legato a un deficit esclusivamente cognitivo” spiegabile con la teoria della mente. “Da quando abbiamo scoperto i neuroni specchio abbiamo cominciato a occuparci anche di questo tema. Si è intravista la possibilità di affrontare suddetta condizione da un punto di vista del movimento, dell’azione”. A dirlo è il professor Vittorio Gallese, ordinario di Psicobiologia all’università di Parma.

AIP: ALLONTANAMENTO DA GENITORE VIOLENTO UTILE PER RIELABORARE

“Quando si assiste a una violenza, soprattutto da bambini, se non si è capaci di rielaborarne le motivazioni, quell’esperienza resterà dentro come un modello e si tenderà a riprodurla in futuro. Se uno dei due genitori è abusante, è ovvio che il bambino vada allontanato”. Lo sottolinea Santo Di Nuovo, presidente Aip ed esperto di psicologia giuridica.

DISABILITÀ COMPLESSE, 30 NOVEMBRE SISPE RADUNA A ROMA SPECIALISTI

Il 30 novembre a Roma la Sispe chiama a raduno pediatri, psicologi, psicoterapeuti, infermieri pediatrici e tutti gli operatori che lavorano con i bambini con disabilità medicalmente complesse. Sono rari ma tanti questi casi, e saranno i protagonisti del convegno Sispe dal titolo ‘Un bambino speciale’. Ne parla la presidente del sindacato Teresa Mazzone, con un’attenzione specifica sui siblings: i fratellini di questi piccoli speciali.

AUTISMO, ASL ROMA 6 SEGUE 600 MINORI E FIRMA PRIMO PDTA LAZIO

La Asl Roma 6 ha attualmente in carico quasi 600 casi di autismo e ha firmato il primo Pdta ad hoc nel Lazio per i disturbi dello spettro autistico nell’età evolutiva. A raccontare il progetto è il direttore generale Narciso Mostarda.

HIV, 1/4 PERSONE TRATTATE PUÒ SVILUPPARE DEFICIT NEUROCOGNITIVO

“Nonostante l’impatto della terapia antiretrovirale sia molto favorevole, circa 1/4 delle persone con Hiv in trattamento può sviluppare un deficit di tipo neurocognitivo”. Il chiarimento viene da Andrea Antinori, direttore della Uoc di Immunodeficienze Virali dell’Istituto Lazzaro Spallanzani di Roma. Il Tg Psicologia completo al link:

:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»