Regionali, Rousseau al 70,6% dice ‘No’ alla pausa elettorale. Il M5s correrà in Emilia Romagna e Calabria

Di Maio: "La prossima settimana individueremo i candidati presidenti"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Gli iscritti alla piattaforma Rousseau dicono ‘no’ alla pausa elettorale in occasione delle prossime regionali in Emilia Romagna e in Calabria. Il M5s partecipera’ dunque alle competizioni elettorali nelle due regioni, previste per il 26 gennaio.

I Sì sono stati 8.025 corrispondenti al 29,4% dei votanti. I No sono stati 19.248 corrispondenti al 70,6%. Sono state espresse 27.273 preferenze su un totale di 125.018 aventi diritto al voto. La votazione e’ stata certificata dal Notaio che ne ha garantito la regolarità.

DI MAIO: “MANDATO FORTISSIMO: PARTECIPIAMO, CORRIAMO DA SOLI”

“Dobbiamo essere tutti felici del risultato della votazione di oggi. Era necessario fare questo voto perché in tanti, anche persone che hanno fatto la storia del MoVimento, mi hanno espresso i loro dubbi sulla partecipazione al voto in questo momento storico e c’erano tanti strani retroscena sui giornali. Per questo abbiamo deciso, anche con Beppe, di lasciare questa decisione a tutti gli iscritti, che ci hanno dato un mandato chiaro e fortissimo: dobbiamo partecipare alle elezioni regionali con tutte le nostre forze. Ed è quello che faremo”. Cosi’ Luigi Di Maio ha commentato ieri l’esito della votazione su Rousseau in merito alle regionali. “In Emilia Romagna e in Calabria ci presenteremo e i parlamentari e i consiglieri regionali mi hanno chiesto di correre da soli. Alcuni avevano espresso delle perplessità e anche contrarietà rispetto a votare sulla nostra piattaforma. Ma noi siamo il MoVimento 5 Stelle e questo è quello che facciamo quando dobbiamo prendere una decisione importante”, aggiunge.

DI MAIO: “LA PROSSIMA SETTIMANA INDIVIDUIAMO I CANDIDATI PRESIDENTI”

Luigi Di Maio in un post su facebook in cui commenta il voto su Rousseau relativo alle regionali in Emilia Romagna e Calabria, aggiunge che “adesso, con questo segnale forte da parte dei nostri iscritti c’è solo una cosa da fare: mettersi pancia a terra e dare il massimo per queste due regioni. Tutti i nostri parlamentari nazionali ed europei, tutti i nostri consiglieri regionali e comunali hanno il dovere di dedicare ogni minuto libero, della settimana e del week end, alla Calabria e all’Emilia Romagna. Non so che risultato raggiungeremo, ma come sempre io sarò in prima linea e non mi risparmierò. Ogni singolo portavoce, ogni singolo attivista, ogni singola persona che crede nei nostri valori è chiamato a mettersi in gioco”. Il leader del M5s aggiunge che adesso c’e’ “bisogno di tutti, di tutte le vostre idee, della vostra partecipazione, di qualsiasi contributo per le elezioni del 26 gennaio. Non abbiamo paura, né del risultato delle elezioni, né tantomeno di chiedere l’opinione dei nostri iscritti su Rousseau, che ci accompagnano in questa avventura iniziata 10 anni fa. L’unica cosa che temiamo è la mancanza di partecipazione, ma oggi ci avete fatto sentire che non siamo soli. Siamo qui per servire i cittadini sempre, fosse anche solo per mettere un portavoce dentro le istituzioni, perché informerà le persone e parlerà con i cittadini che ci chiedono soluzioni. Per noi la politica è questo. La settimana prossima individueremo i candidati presidenti”.

DI MAIO: “DIMISSIONARIO? FACCIAMO ELEZIONI E SI VA AVANTI”

“Io personalmente ho chiesto agli iscritti cosa si dovesse fare perche’ questo tema del presentarsi in Calabria e in Emilia Romagna aveva diverse visioni nel Movimento. Io personalmente ho detto che per fare gli stati generali a marzo serve e serviva un po’ di tempo e quindi non eravamo in grado di presentarci in Emilia Romagna e in Calabria. Gli iscritti hanno votato per fare gli stati generali ma evidentemente non hanno questa urgenza. Ci presentiamo alle elezioni regionali, ho gia’ sentito i nostri, e si va avanti”. Cosi’ Luigi Di Maio risponde a chi gli domanda se si presentera’ dimissionario agli stati generali del M5s a marzo, dopo il voto di Rousseau favorevole alle elezioni.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

22 Novembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»