Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Big John va all’asta: il triceratopo ‘triestino’ venduto per più di sei milioni di euro

triceratopo big john
Ricostruito nei laboratori della ditta Zoic di Trieste, adesso lo scheletro del dinosauro è di proprietà di un facoltoso americano
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TRIESTE – Big John, il più grande triceratopo mai rinvenuto al mondo, ricostruito nei laboratori della ditta Zoic di Trieste, è stato venduto all’asta ieri a Parigi a 5 milioni e mezzo di euro. Prezzo finale, tra tasse e oneri, 6 milioni e 600mila euro per il compratore, un facoltoso acquirente privato americano.

Proprio nella capitale francese, durante l’esposizione dell’animale, il dinosauro aveva ricevuto anche l’attestato per aver battuto il Guinness dei primati per le sue dimensioni. Rinvenuto negli Stati Uniti, è stato trasportato a Trieste, dove nel corso dell’ultimo anno gli esperti della Zoic si sono occupati di ricostruirlo, aprendo le porte del laboratorio ai visitatori, che hanno potuto seguire passo dopo passo le varie operazioni. In estate, prima della partenza per Parigi, Big John è stato anche esposto in piazza Unità d’Italia a Trieste, dove con i suoi 7 metri e mezzo di lunghezza e 2 metri e 6 di misura del cranio, ha attirato migliaia di persone da tutta Italia e dall’estero, per ammirare il gigante prima dell’asta.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»