fbpx

Tg Politico Parlamentare, edizione del 22 ottobre 2020

COVID, GOVERNO PRONTO A INTERVENIRE

Se fosse necessario, il governo e’ pronto a intervenire nuovamente per sbarrare la strada alla pandemia. Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte interviene alla Camera e spiega che “l’Italia è oggi in una situazione ben diversa rispetto a quella del mese di marzo, anche se questa situazione si sta dimostrando molto critica”. Il premier ha ricordato che e’ necessario chiedere sacrifici e limitazioni agli italiani e si e’ detto fiducioso che l’intera comunità nazionale saprà esprimere anche questa volta la serietà e la forza d’animo necessarie. Intanto i nuovi contagi continuano a salire, superando quota 16mila nelle ultime 24 ore. Cresce anche il numero dei morti che oggi sono 136, nove piu’ di ieri. I pazienti in terapia intensiva sono 992. Rispetto a ieri sono aumentati di 66.

LICENZIAMENTI, NIENTE ACCORDO

Nulla di fatto al vertice notturno tra governo e sindacati sulla proroga degli ammortizzatori sociali e sul blocco dei licenziamenti. Cgil, Cisl e Uil chiedono che le due misure vadano avanti di pari passo e puntano ad estenderle almeno fino a marzo 2021. L’esecutivo e’ disponibile a prolungare la cassa integrazione fino alla primavera ma a decretare lo stop ai licenziamenti fino a fine anno. Secondo alcune indiscrezioni, il punto di caduta potrebbe essere un prolungamento del blocco almeno fino a gennaio. Per i sindacati e’ inaccettabile che a partire dal prossimo anno le imprese possano ricominciare a licenziare, nel pieno della crisi Covid.

IL PAPA: COPERTURA LEGALE ALLE UNIONI CIVILI

‘Le persone omossessuali sono figli di Dio e hanno diritto ad avere una famiglia’. Le parole di Papa Francesco sulle unioni civili tra persone dello stesso sesso scuotono la politica. “Ciò che dobbiamo creare è una legge sulle unioni civili. In questo modo, gli omosessuali godrebbero di una copertura legale”, ha detto il papa in un documentario dedicato a lui. Per l’ex presidente del senato Marcello Pera in questo modo il Papa laicizza la chiesa e ci manda tutti a fondo. Per Piu’ Europa le parole di Bergoglio sono importanti. Si tratta di un enorme passo avanti della Chiesa.

IL GOVERNO NON FERMI LA DANZA

Giostrai, cistercensi, lavoratori della danza, ballerine. Tutti in piazza per chiedere al governo di non soffocare il divertimento da una parte, una delle arti piu’ nobili dall’altra. A piazza del Popolo protestano i lavoratori dei parchi giochi, delle ludoteche, dei luna park, gli animatori. Alcuni sono fermi da mesi, altri hanno riaperto in estate e ora si avviano a nuove chiusure. La situazione è drammatica, dicono. Potrebbe finire con una serrata anche la traiettoria delle scuole di danza. L’ultimo dpcm le tiene sotto osservazione, in attesa di una decisione definitiva. Davanti al Pantheon decine di ballerine mettono in scena la morte del cigno. Un simbolo di sofferenza per un settore che impiega piu’ di 30mila persone.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

22 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»