D’Amato: “Spero che la curva dei contagi cali, o nel Lazio reggiamo un mese”

Per quanto riguarda i tamponi molecolari eseguiti nei laboratori privati, l'assessore rimarca che il costo è non superiore ai 60 euro
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Gli ospedali sono sotto stress. Registriamo contagi cinque volte superiori rispetto a quelli avuti nella Fase 1, quando avevamo picchi di 220 positivi. Allora, con meno test, non si trovavano gli asintomatici. Ma è valso per tutti. Adesso speriamo che si abbassi la curva dei contagi. Se non cala, reggeremo solo un mese“. Lo ha detto l’assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato, in
un’intervista a La Repubblica.

LEGGI ANCHE: Anche nel Lazio l’ordinanza con coprifuoco da mezzanotte alle cinque

Per quanto riguarda la possibilità di eseguire i tamponi molecolari nelle strutture private, D’Amato ha sottolineato: “Vogliamo rassicurazioni. Quando abbiamo autorizzato i test rapidi, si sono presentati in 176. Sa in quanti lavorano davvero?
Solo in 60. Si sono dimostrati meno preparati del previsto, sotto la sufficienza. Con l’aiuto dello Spallanzani valideremo i laboratori che possono analizzare almeno 5mila tamponi molecolari al giorno. Il prezzo al pubblico sarà di 60 euro. Non un euro di più. Lo dico perché non ci sono state sempre situazioni limpide. Abbiamo denunciato a Nas e Antitrust prezzi triplicati per i test rapidi”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

22 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»