Moda, apre a Roma la boutique eco-sostenibile di Annalisa Queen

La vision attenta all'ambiente sia per le collezioni che per le boutique
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA –  Un brand di moda ed accessori con una vision etica e sostenibile sia nei materiali utilizzati per le collezioni che in quelli utilizzati per la boutique. Bando a pellicce e a pelli di origine animale nella prima boutique monomarca del brand Annalisa Queen, designer emergente classe 1987, che, dopo aver varcato i confini partecipando alla Montecarlo Fashion Week nel 2018 e alla Fiera della Moda Italiana a Kiev nel 2019, inaugura in via Panisperna 238A, nel quartiere Monti, uno spazio realizzato interamente con materiali eco-sostenibili o di riciclo. La vernice Airlite per le pareti, che purifica l’aria riducendo le emissioni di CO2; il pavimento, a marchio Fsc, garanzia di provenienza da foreste gestite responsabilmente; mobili ed arredi recuperati da precedenti usi e portati a nuova vita. Una filosofia, quella del riciclo, che è anche alla base del brand e punta a ridurre al minimo gli sprechi, riutilizzando i tessuti avanzati dalle precedenti collezioni per la creazione di pezzi unici di abbigliamento e accessori. Tutto ciò che accompagna il prodotto, dal cartellino all’etichetta interna, viene realizzato con materiali di riciclo.
Per la collezione autunno-inverno 2020/21 presente in boutique, di ispirazione fiabesca, sono stati scelti tre tessuti le cui colorazioni richiamano le tendenze della stagione: un cotone biologico rosso ruggine, un pile in poliestere riciclato con il disegno astratto di una vegetazione tropicale e un tessuto filamentoso con una fantasia di diversi colori a richiamare l’atmosfera onirica della tendenza. L’inaugurazione, dal 27 ottobre all’1 novembre, avverrà con ingressi contingentati nel rispetto della normativa anti-Covid.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

22 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»