Polese (IV): “Ritirare la delegazione della Lega dai tavoli per il rinnovo delle concessioni petrolifere in Basilicata”

É quanto richiede al presidente della regione Basilicata Vito Bardi il vicepresidente del Consiglio regionale Mario Polese
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

 POTENZA – “Chiedo ufficialmente al presidente della Regione Vito Bardi di ritirare la delegazione della Lega dai tavoli delle trattative per il rinnovo delle concessioni petrolifere in Basilicata”. A pronunciarsi è Mario Polese, vicepresidente del Consiglio regionale della Basilicata e neo iscritto ad Italia Viva, che interviene dopo “le vicende emerse durante la trasmissione televisiva Report”, andata in onda nella serata di ieri su Rai3.

“Non si tratta – sottolinea Polese – di una provocazione, ma di una misura precauzionale doverosa nell’interesse di tutti i lucani e degli stessi attori istituzionali. Da quanto emergerebbe dalle ricostruzioni giornalistiche di Report, infatti, all’Hotel Metropol di Mosca ci sarebbe stata una vera e propria trattativa tra Lega e Russia avente ad oggetto proprio interessi petroliferi”.

Per il vicepresidente del consiglio regionale lucano si tratta “di una vicenda enorme che non è ancora chiara in tutta la sua grave complessità, in particolar modo nelle relazioni tra Italia e paesi stranieri e sull’eventuale disegno che potrebbe interessare i bacini petroliferi della Basilicata”.

Precisando di “non voler entrare nel merito delle vicende giudiziarie in corso, sulle quali – afferma – per cultura politica garantista mantengo rispetto sia nei confronti degli inquirenti che degli indagati”, Polese si sofferma sul fatto che “il problema si pone chiaramente sul piano dell’opportunità politica rispetto a presunti rapporti con lobby, mi auguro legittime, che potrebbero però lasciar intravedere un fortissimo conflitto d’interesse tra le esigenze del partito di Salvini e Savoini e quelle dei lucani”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»