VIDEO | Bolivia, Morales rieletto senza ballottaggio: accuse e disordini

Per la quarta volta col 46,87% dei voti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Evo Morales si è confermato presidente della Bolivia per la quarta volta col 46,87% dei voti, senza bisogno di un ballottaggio, che pure sembrava probabile sulla base dei primi risultati del voto di domenica. A comunicarlo il Tribunale supremo elettorale, che a La Paz ha diffuso i dati con più del 95% delle schede scrutinato. Il principale sfidante del presidente, Carlos Mesa, si è fermato al 36,74%. Il distacco di dieci punti percentuali consente a Morales, a capo del Movimiento al Socialismo (Mas), di essere eletto presidente già al primo turno, stando alle regole del sistema elettorale bolivano. La pubblicazione dei dati ha scatenato polemiche e disordini nel Paese. Mesa, leader della coalizione di Comunidad Ciudadana (Cc), non ha accettato il risultato e ha parlato di “frode”. Il candidato di Cc, che è già stato presidente della Bolivia tra il 2003 e il 2005, ha invitato l’Unione Europea e l’Organizzazione degli Stati americani (osa) a intervenire. Quest’ultima già ieri aveva espresso perplessità sull’andamento delle elezioni. Scontri e disordini si sono verificati nelle principali città del Paese. Due uffici elettorali sono stati dati alle fiamme a Potosì e a Sucre. Gruppi di sostenitori dei due candidati principali si sono affrontati nelle strade di La Paz. Dopo la diffusione dei risultati, Morales ha parlato alla platea di militanti del Mas. Il presidente ha invitato alla calma e ad aspettare “fino allo scrutinio dell’ultima scheda”, per celebrare la continuazione del “processo di cambiamento” nel Paese.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»