Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Renzi chiude la porta a Mdp? “Ci hanno detto di tutto, Rosatellum non si tocca”

La replica di Renzi dopo l'apertura di Speranza: 'Dialogo su cose concrete'. E su Bankitalia scarica su Boldrini: 'l'arbitro è la presidente della Camera'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


ROMA – “A me sembra che su questo tema si debba essere molto chiari, si potrebbe dire ‘ma come dopo tutto quello che ci avete detto come si fa a dialogare’, ‘dopo che avete definito Renzi il male assoluto…’. Se è una apertura seria allora discutiamo di cose concrete“. Lo dice il segretario del Pd Matteo Renzi, ospite di Lucia Annunziata a ‘1/2h in piu” su Raitre, rispondendo all’appello di Roberto Speranza.

Roberto Speranza ha posto condizioni chiare al Pd: ridiscutere il Rosatellum inserendo preferenze e voto disgiunto e abolire Jobs Act e Buona Scuola. Sul primo punto, la replica di Renzi è netta: “Io sono un pasdaran delle preferenze tanto che stavano nell’Italicum“, ora però “si è fatto un accordo con gli altri partiti e rimettere in discussione la legge elettorale oggi è molto difficile, sarebbe il tentativo di ricominciare tutto da capo”.

Il segretario dem dice poi la sua sulle mozioni che riguardano Bankitalia, puntando il dito contro Laura Boldrini: “l’arbitro è la presidente della Camera, è la sola persona che può decidere se una mozione è ammissibile. Io non avrei giudicato ammissibile la mozione dei 5 stelle“.

“Io- continua Renzi- rispetto le regole, il diritto parlamentare non è interpretabile, io se fossi stato presidente della Camera non avrei giudicato ammissibile la mozione 5 stelle, ma siccome è stata giudicata ammissibile non si può dire che la mozione del Pd è eversiva. Sia nel merito che nel metodo rivendico quanto fatto.”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»