Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Fedez attacca, Conte risponde: “Fate c….e”, “Dobbiamo ripartire tutti insieme”

fedez
Il rapper chiede capienza al 100% per concerti e spettacoli
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Fedez attacca, Conte risponde. E gli dà ragione. Il rapper ha pubblicato una serie di stories su Instagram criticando i politici per non aver permesso al mondo dello spettacolo di tornare alle capienze piene nei locali, nei cinema e nei teatri, mentre in altre circostanze (e fa l’esempio di un comizio dell’ex presidente del Consiglio Giuseppe Conte, in una piazza gremita) gli assembramenti non mancano. “Fate cagare”, è la conclusione del rapper.

“Buongiorno Fedez, mi rivolgo a te e agli artisti che, come te, in queste ore stanno lamentando le attuali restrizioni per la cultura e lo spettacolo, mentre invece gli incontri della politica avvengono con piazze gremite di gente. Non va bene e infatti sono quattro o cinque giorni che lo sto dicendo in tanti punti stampa“, dice Giuseppe Conte, leader del M5s, in video pubblicato sui social. “Dobbiamo ripartire tutti insieme- aggiunge- e la filiera della cultura, dello spettacolo ma anche degli eventi sportivi che ha tanto sofferto, deve poter ripartire. Non va bene portare la capienza all’80%, dobbiamo portarla al 100%. Dobbiamo ripartire forti, dobbiamo ripartire tutti insieme”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»