Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

I giovani per Roma, Colalongo: “Ecco la mia idea di città”

jacopo colalongo
Il ventenne Jacopo Colalongo, studente di Giurisprudenza, è candidato all'Assemblea capitolina per la Lista civica Virginia Raggi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Quali sono le proposte, le idee e le soluzioni dei giovani che si candidano in politica? C’è una nuova generazione che vuole riprendersi voce e spazi a Roma. DireGiovani ha incontrato quattro di loro, ognuno appartenente a un diverso schieramento, per conoscere da vicino priorità, obiettivi e visioni. Ventenne, studente in Giurisprudenza e animatore di un’associazione culturale che ha come obiettivo quello di combattere il disagio giovanile, Jacopo Colalongo è candidato all’Assemblea capitolina per la Lista civica Virginia Raggi. Alla prima esperienza in politica, Jacopo è entrato in contatto con le istituzioni facendo cittadinanza attiva. Tra le sue priorità ci sono le politiche giovanili.

Ecco le cinque proposte del giovane candidato: portare la voce dei giovani nel Consiglio comunale, creare omogeneità tra le opportunità per i giovani del centro e quelli di periferia, dare vita a un organo consultivo composto da giovani sia comunale che municipale, far nascere poli socio-culturali e sportivi come luoghi di aggregazione (almeno uno in ogni municipio) e continuare con la riqualificazione ambientale e la rigenerazione urbana delle periferie.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»