Roma, Alfonsi: “Nel Municipio I sotto organico di 50 persone, Raggi assuma gli idonei del concorsone”

Sabrina Alfonsi commenta con l'agenzia Dire la lettera con cui ha chiesto alla sindaca Raggi di esaurire le graduatorie del concorso del 2010 prima della scadenza del 30 settembre
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Nel I Municipio, rispetto ad un anno fa, abbiamo perso 20 unita‘ mentre rispetto alla pianta organica siamo sotto organico di circa 50 persone. Pensiamo che gli altri Municipi non siano messi meglio di noi. Anche per questo chiediamo che la sindaca Raggi, visto che il Comune ha capacita’ assunzionale e copertura economica, assuma gli idonei del concorsone del 2010“. Cosi’ il presidente del I Municipio, Sabrina Alfonsi, ha commentato con l’agenzia Dire la lettera con cui ha chiesto al sindaco Raggi di esaurire le graduatorie del concorso del 2010 prima della scadenza del 30 settembre. “Sono stata contattata l’altra settimana dai rappresentanti degli idonei dei concorsi di Roma Capitale- ha spiegato Alfonsi- mi hanno fatto presente la loro situazione. Dopo una buona interlocuzione con l’assessore De Santis tutto si e’ fermato completamente. Su questo mi sono interrogata, perche’ sappiamo che il 30 scade la proroga dei concorsi gia’ in essere ma io mi domando come in una situazione di tale difficolta’ per Roma e i Municipi, a fronte di nuovi concorsi indetti, non sia meglio assumere gli idonei, perche’ se tutto andra’ bene le assunzioni dei nuovi concorsi non avverranno prima di un anno e mezzo se non due. Invece abbiamo un’urgenza oggi, e quindi converrebbe attingere ad un bacino che gia’ c’e’, fino allo scorrimento totale della graduatoria. Tra l’altro nel primo semestre del 2020 andranno in pensione 500 unita’ in tutto il Comune“. “E’ vero che parliamo di categorie diverse per i diversi concorsi- ha concluso Alfonsi- ma non e’ che poi nelle assegnazioni viene sempre rispettata la famiglia di provenienza. Si tratta di funzionari che poi possono fare rotazioni e quindi coprire le mancanze nei vari settori al meglio delle specifiche competenze. L’appello che lancio, dunque, e’ che ci sembra davvero assurdo far scadere i termini alla fine di settembre, soprattutto in un momento come questo segnato dagli effetti della pandemia anche nei confronti di chi si trova in difficolta’ economica e che ora potrebbe rientrare nel mondo lavorativo”. 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

22 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»