Regionali, ecco perché il M5s resta fuori dal consiglio del Veneto

La lista si ferma al 2,7% anche se Cappelletti arriva al 3,3%
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

VENEZIA – In Veneto il Movimento 5 stelle rimarra’ fuori dal consiglio regionale nonostante il suo candidato alla presidenza, Enrico Cappelletti, abbia ottenuto il 3,3% delle preferenze. Il perche’ lo spiega chiaramente il politologo Paolo Feltrin, dell’Osservatorio elettorale del consiglio regionale. Il 3,3% delle preferenze e’ stato infatti raccolto da Cappelletti, ma il voto vale per la coalizione (sebbene sia composta solo dal Movimento 5 stelle), e quindi la soglia da superare e’ del 5%. La soglia del 3% vale solo per le liste singole, ma la lista del Movimento ha ottenuto il 2,7% delle preferenze, e quindi i pentastellati non accedono alla ripartizione dei seggi. In sostanza, l’incidente nasce dal fatto che parte degli elettori hanno dato il loro voto a Cappelletti senza barrare la lista del Movimento, portando cosi’ il candidato ad avere un risultato migliore rispetto a quello dell’unica lista che lo sostiene. “In passato si sono verificate situazioni simili e i ricorsi presentati sono stati persi… Quindi mi sembra ragionevole che anche in questo caso sara’ adottato lo stesso criterio”, spiega il politologo dell’Osservatorio elettorale regionale, Paolo Feltrin.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

22 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»