Coronavirus, l’allarme di Sileri: “Elevato rischio di casi d’importazione dalla Francia”

sileri
Da giorni in Francia la situazione contagi è fuori controllo, con oltre diecimila nuovi casi ogni 24 ore e più della metà del paese che è tornata ad essere 'zona rossa'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il rischio di avere casi d’importazione e’ elevato. Servirebbe una strategia piu’ ampia, non solo dell’Italia nei confronti della Francia ma una visione dell’intera Europa per dare delle linee definite”. Lo ha detto il vice ministro della Salute, Pierpaolo Sileri, in un’intervista a InBlu Radio, il network delle radio cattoliche della Cei. Da giorni in Francia la situazione contagi è fuori controllo, con oltre diecimila nuovi casi ogni 24 ore e più della metà del paese che è tornata ad essere ‘zona rossa’.

“Oggi e’ la Francia- ha aggiunto Sileri- ma domani i casi saliranno in Germania e poi in Inghilterra. Fino a quando non avremo un vaccino questo e’ cio’ che dobbiamo aspettarci. Potremmo fare dei test all’aeroporto anche se il tampone negativo non porta il rischio a zero. L’alternativa e’ avere un tampone antecedente di 2-3 giorni la partenza. Questo significa convivere con il virus perche’ il rischio non puo’ essere zero. Se tutti gli Stati facessero questo potremmo intercettare quei casi che potrebbero innescare dei focolai. Il rischio non sara’ mai zero ma controllato“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»